News
Terremoto: "il Friuli può insegnare"

 

 

Di fronte a una catastrofe che provoca centinaia di morti e feriti, non c’è niente di peggio della retorica buonista.

Persino il repentino gesto di riporre le armi della polemica politica stona, perché un conto è che il “teniamoci stretti, stiamo uniti” venga pronunciato da chi, come il Capo dello Stato, è custode dell’unità del Paese, un altro è che ne faccia uso chi sulla delegittimazione degli avversari ci ha sempre campato.

Anche in questa drammatica occasione non è mancato nulla di tutto questo. Sì, è vero, Renzi non ha esagerato per come è fatto. Ma non basta. Sono troppi e troppo brucianti i precedenti di impegni presi e non mantenuti per non provare scetticismo verso “l’Italia è ripartita” al punto che qualcuno comincia a pensare che porti pure rogna, oltre che gridare vendetta al cospetto della “crescita zero”.

Ora contano i fatti e le decisioni da prendere per il futuro delle zone terremotate.

Il precedente dell’Aquila è lì che grida ancora vendetta: dopo sette lunghi anni, i soldi spesi, a parte i 4 miliardi usati inizialmente per i soccorsi, non arrivano ad un terzo di quelli stanziati (6,9 miliardi su oltre 21).

Dunque, le cose da fare subito sono almeno quattro finalizzate alla fase emergenziale.

La prima: stanziare le risorse immediate e future, e porre in sede Ue la loro deducibilità dal conteggio del deficit.

La seconda: concentrare le risorse in un unico soggetto spenditore.

La terza: decidere, senza tentennamenti, quale piano di ricostruzione attuare.

La quarta: rimuovere tutti i vincoli burocratici alla spesa.

Oltre bisogna adottare subito le norme per introdurre l’assicurazione obbligatoria sugli edifici, privati e pubblici. L’Italia è un territorio ad alto rischio, eppure è uno dei pochi paesi dove a “coprire” è solo lo Stato: a pagare i costi è sempre e solo il Tesoro e quindi i contribuenti, sotto forma di tasse o a carico del debito pubblico. Infine, stilare un piano straordinario per la messa in sicurezza sismica degli edifici nelle zone a più alto rischio.

Dunque, niente manfrine.

Renzi, che credeva di dover misurare se stesso e il suo governo sulle riforme costituzionali, ha da poco capito che invece gli italiani lo giudicano dai risultati ottenuti in economia, ora è di fronte a un nuovo metro di misura che rappresenta nello stesso tempo una grande opportunità e un grave pericolo.

Se riuscirà a fare in centro Italia quello che nel 1976 fu fatto in Friuli Venezia Giulia, avrà colto l’opportunità capace persino di far dimenticare la crescita zero e le palle raccontate sulla grande ripresa. Se invece ripeterà il copione dei film già visti, non gli sarà perdonato nulla. Ma proprio nulla.

 

Addì, 27 agosto 2016

 

 

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale