News
NESSUNA TUTELA ...

Alle elezioni regionali del 2018, mancano più o meno 16 mesi. Oltretutto non sappiamo ancora con quale sistema elettorale ciò avverrà, considerato che il centro sinistra sembrerebbe orientato a modificare l'attuale legge elettorale.


Il bilancio regionale fortunatamente non è grave. Anche quest’anno si è chiuso in avanzo, sempre più risicato ma meglio di niente, per cui ancora per un poco di tempo la regione non corre i pericoli che invece sono evidenti nei bilanci, disastrati, non solo dello Stato, ma di regioni e comuni come Roma (13 miliardi di buco certo se i conti sono giusti ma potrebbe essere peggio), come della regione Lazio, Campania, Sicilia, Piemonte, e l’elenco non è finito.


Il nostro benessere o meglio il non malessere si accompagna però ad indicatori tutt’altro che positivi:

     

  • perdura la crisi della piccola e media impresa, basti guardare la moltitudine di capannoni abbandonati nelle varie aree industriali della regione; 

     

  • le grandi opere, come la terza corsia, essenziale per la sicurezza, sono ferme ai comunicati stampa dopo che i governi precedenti di Illy e Tondo le avevano rimesse in moto realizzando gli unici due tratti sin qui rinnovati, cioè il primo lotto e la Villesse Gorizia. 

     

    Dopo di che buio! 


Ancora il problema dei porti. Venezia (nonostante le sciocchezze millantate dai Ministri in campagna elettorale sul porto di Trieste, che i triestini hanno ben capito punendo l’amministrazione che le aveva propagandato) si è fatta finanziare il faraonico progetto del suo porto offshore che, se realizzato, getterebbe Trieste e la regione in un ghetto di tipo mediorientale. Lo stesso dicasi per l’incremento dei traffici ogni giorno sbandierato dalla autorità portuale e poi smentito come è avvenuto in questi giorni con la revoca del traffico containers turchi.


Ma anche sugli altri comparti vitali tutto è fermo o peggio, a cominciare dalla sanità per passare alle autonomie locali dove le UTI, tra rinvii e false partenze, non decollano, con la giusta protesta dei sindaci contro l’insopportabile ed antidemocratico dirigismo regionale. Mi chiedo: di questi tempi c’era proprio la necessità di creare decine di mini province, ciascuna con i suoi bei costi, in luogo delle sole quattro, contestualmente soppresse?


Il nuovo statuto regionale poi, appena approvato dal Parlamento, potrà portare, per volontà di un solo senatore triestino dem, alla creazione dell’area metropolitana triestina, senza soldi come tutte le altre nel paese, ma tale da poter disgregare quella unità regionale per la quale si sono battuti con lungimiranza i politici di un tempo, friulani e triestini.


In questo squallore politico ed istituzionale si naviga verso le elezioni senza che le importanti posizioni di potere occupate dai nostri politici a Roma in seno alla segreteria del partito di governo nonché al Parlamento, siano servite per la tutela degli interessi regionali.


E, attenzione, se non si cambia presto, la solidità del bilancio regionale crollerà, minata alla base dall’infausto accordo Serracchiani-Padoan del 2014 che progressivamente ed annualmente porta via una cospicua parte delle entrate proprie della regione e ai tagli che il Governo fa ai comuni ed alle loro risorse proprie. Sembra quasi che quelle posizioni a Roma siano mantenute attraverso azioni che le rafforzano a scapito della rappresentanza e difesa degli interessi dei cittadini della nostra Regione.

 

Addì, 10 settembre 2016


Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale