News
9111 A chi credere ?

Nell'impossibilità di spiegare il merito ed i contenuti del quesito referendario, è necessario tentare altre strade che non siano “politiche” o comunque di appartenenza.

 

Come e quali? Con un esempio.

Se dovete acquistare un automobile e non ne capite molto di motori, quale suggerimento e quale indicazione ritenete più utile per fare un buon affare o evitarne uno cattivo? Quello del rivenditore cioè di persona addetta alla comunicazione ed alla pubblicità del prodotto da vendere che vi accoglie nel suo salone e vi magnifica la lucentezza della carrozzeria, la cilindrata , le cromature, lo gli optional, la selleria in pelle e che vi fa credere che sia l’ultima occasione disponibile (come Renzi ossia senza di me, il diluvio), ovvero quello del meccanico dell’officina che sta al piano di sotto della concessionaria, il meccanico che smonta e rimonta il motore di quella e di tante altre vetture, che ne conosce i segreti, le differenze, i pregi ed i difetti di ognuna, ma anche i rischi che correrete se la comprate o la mantenete?

 

O ancora se avete bisogno di un consulto per guarire da un acciacco serio, vi rivolgete al farmacista, pur bravo professionista che però vende il medicinale ed ha solo una certa infarinatura di medicina, ovvero al medico o al luminare che lavora in ospedale, quotidianamente tra i malati e le malattie come la vostra?

 

Ebbene il discorso sul referendum è identico: basta mettere al posto del concessionario di auto, il governo, la sua forza comunicativa, la necessità di far passare la riforma purchessia e al posto dell’ingegnere meccanico il gruppo dei migliori giuristi costituzionali italiani che per primi, al di fuori di ogni logica politica ed anzi appartenendo alcuni a compagini politiche vicine al governo, hanno denunciato i mali della riforma, i danni che provocherà quando il governo sarà, attraverso la legge elettorale che cementa il nuovo corso della riforma, padrone di tutto, dal Presidente della Repubblica alla Corte Costituzionale e naturalmente con la maggioranza assoluta anche della camera. 

 

Senza poi contare che Renzi spargendo terrore nel futuro, ha fatto i conti senza l’oste che potrebbe molto probabilmente essere non lui ma Beppe Grillo.

 

Non per nulla quando la scelta per il Si o il No è stata posta in quei termini il premier ha risposto non nel merito ma definendo quei giuristi come i soliti “professoroni” e annunciando che avrebbe radunato migliaia di altri professori favorevoli al Si, ritenendo che di buoni ed esperti costituzionalisti ce ne siano a carrettate.

Peccato che tra i primi, convinti per il No, ci siano le migliori conoscenze del diritto costituzionale, giuristi che hanno fatto parte e presieduto la Corte Costituzionale, che hanno scritto le più importanti pagine e sentenze di interpretazione e commento della Costituzione, lontani dal governo e dagli incarichi ministeriali o comunque da questo distribuiti e ben remunerati.

 

A chi credere, dunque: ai concessionari o agli ingegneri meccanici, ai comunicatori o agli esperti?

Questa può essere una buona ragione per orientare la scelta al referendum . 

 

È vero che si tratta pur sempre di una questione di fiducia ma quanto meno di una fiducia che tiene conto e si basa sulla competenza, sulla conoscenza del diritto e del funzionamento dello Stato e delle istituzioni e quindi anche del loro avvenire democratico o meno, su nomi che sono noti a molti per essere i protagonisti della scienza giuridica italiana.

 

 

Addì, 01 dicembre 2016

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale