News
2Unknown DISASTRO SU DISASTRO

Più ci penso a quanto accaduto nel centro Italia a seguito del terremoto e delle fortissime nevicate di questi giorni, più sale in me la rabbia nel constatare che molto si sarebbe potuto evitare solo se ci fosse stata maggiore efficienza e, specialmente, miglior coordinamento da parte delle istituzioni in campo. E, invece, no, nulla di tutto ciò si è potuto vedere e si è capito chiaramente che ha primeggiato la superficialità e la disorganizzazione generale. Senza nulla togliere a coloro che sono intervenuti per affrontare la somma urgenza a partire dai vigili del fuoco, forze dell'ordine e volontari delle varie tipologie ivi compresi della protezione civile, non si può non denunciare che sono stati fatti troppi errori e che la catena di comando non ha funzionato come avrebbe dovuto.

Situazioni che hanno causato ritardi su ritardi come l'eccessivo tempo intercorso (ben 18 ore) perché la macchina dei soccorsi giungesse all'albergo sommerso dalla imponente frana, come pure la grave carenza di azioni di prevenzione sul territorio che sicuramente avrebbero potuto ridurre di molto i rischi e, specialmente, salvaguardato la popolazione. Ora, la mia rabbia aumenta ancor di più, nel sentire scuse insulse da parte dei responsabili che si aggrappano alla straordinarietà dell'emergenza. La verità è che l'emergenza sono proprio costoro per non aver saputo prevenire ciò che era prevedibile evacuando a tempo debito i cittadini interessati. Nulla o poco niente ha funzionato nell'emergenza abruzzese. Si è persino affermato che gli elicotteri non hanno potuto volare per problemi burocratici. Siamo veramente in una situazione caotica dove prevale pressapochismo e superficialità!

Eppure il sistema nazionale della protezione civile è stato un esempio di efficacia ed efficienza che ha dimostrato nel tempo di saper operare con grande capacità e professionalità. Ma poi con la modificazione della legge nazionale in materia le cose sono cambiate. È venuta meno la catena di comando che con chiarezza impartiva direttive precise per gl'interventi di prevenzione e somma urgenza e così facendo è venuta meno la sua capacità di essere incisiva. Non ha dato buoni risultati neanche la gestione centralizzata da parte del dipartimento della protezione civili del volontariato con l'esclusione delle regioni nella gestione paritaria delle emergenze minimizzando il loro ruolo. Quanto accaduto in Abruzzo ha dei responsabili. Una responsabilità dovuta anche alla modificazione delle normative del sistema di protezione civile a cui quanto prima bisognerà metter mano perché possa ritornare ad essere ciò che era: efficace ed efficiente.

E qui in Regione fvg si dovranno cambiare i vertici della protezione civile per riacquisire quella capacità operativa della protezione civile a suo tempo riconosciuta come capo fila di tutte le regioni in ambito nazionale e medaglia d'oro al valore.

 

Addì, 20 gennaio 2017

 

Archivio News

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale