News
Acqua GOVERNO DELL'ACQUA IN TILT !

La nuova riorganizzazione del servizio idrico integrato, recentemente approvata dalla regione, nell’aprile 2016, prevede un unico ambito territoriale il cui principale organo di governo è rappresentato dalla sua assemblea regionale. Tale assemblea è costituita da un sindaco per ciascuna Uti (sono 18) e può essere integrata da una rappresentanza dei comuni del veneto che fanno parte dell’ambito interregionale a cavallo tra San Vito al Tagliamento e Portogruaro. 

A questo punto c’è da chiedersi quando e come si perfezionerà l’assemblea regionale considerato che i comuni capofila delle Uti ( che sono i più popolosi) dovranno convocare la conferenza dei Sindaci per eleggere il proprio rappresentante in seno all’assemblea. A questo punto, stante la configurazione delle Uti, in particolare nelle ex provincie di Udine e Pordenone, si porrà un problema di natura politica rispetto a quei Sindaci che non hanno aderito alle Uti stesse, i quali  potrebbero non convocare la conferenza dei sindaci. E’ vero che la legge regionale consente qualora ciò accadesse, di demandare al Sindaco del comune seguente con il maggior numero di abitanti la convocazione, ma a questo punto è evidente che le decisioni sul principale servizio pubblico dell’acqua, sarebbero forzatamente assunte e spurie dalla volontà del Comune più rilevante per popolazione e, quindi, per numero di utenze servite. 

Già questo pone forti criticità all’attuazione della normativa in essere che genererà disequilibrio tra l’utenza dei diversi territori comunali provocando forti tensioni in una materia di primaria importanza. Se poi si aggiunge il fatto che ad oggi è costituito un ambito interregionale in forza dell’accordo tra la Regione Fvg e il Veneto del 2006, considerato altresì che le concessioni di derivazione delle acque sono in capo alla società di gestione veneta ed il fatto che ad oggi non ci sia ancora un nuovo accordo interregionale attuativo delle previsioni della legge regionale del 2016, è evidente che la situazione si complica assai sia sotto il profilo giudico che politico. 

Infatti due sono le condizione che generano queste difficoltà. La prima che i sindaci dell’ambito interregionale hanno condiviso  l’accordo col Veneto e che ora sarebbe disatteso unilateralmente. Dall’altro, che senza l’assemblea regionale non sarà possibile nominare il direttore della autorità unica regionale e quindi consentirne la piena operatività. 

Quindi le riforme delle Unioni Territoriali Intercomunali, la cancellazione delle province - che giova ricordare sussiste solo nella nostra regione - e l’improvvida modificazione della legge regionale sul servizio idrico integrato, mettono ora in luce quanto erronee siano state le riforme imposte dal governo regionale a causa della frettolosità, contraria alla ponderazione, che ci doveva essere soprattutto per un servizio idrico che ha una ricaduta immediata sui cittadini. 

Riforme che specialmente per le Uti hanno generato conflittualità se non una indebita intromissione della Regione nella potestà Costituzionale attribuita ai Comuni e, specialmente, con la prepotenza invasiva nei confronti dei Sindaci.

 

Addì, 25 gennaio 2017

Archivio News

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale