News
IL GIOCHETTO DELLE TRE CARTE

Oggi la Regione, attraverso un importante organo di stampa locale, ci comunica che con la soppressione delle provincie sono stati fatti importanti risparmi. È probabile che l'annuncio, comunicato dall'assessore preposto, voglia dimostrare la bontà della riforma del governo di centro sinistra, contrariamente ai molti detrattori Sindaci e amministratori locali che l'hanno contrastata con forza congiuntamente alla riforma delle UTI - Unità Territoriali Intercomunali. 

Per chi ha un minimo di cognizione dei costi non si può non considerare che le due riforme in questione non possono ragionevolmente aver prodotto risparmi a meno che non si voglia fare giochetti algebrici o, meglio ancora, il giochetto delle tre carte. 

Entrando nel merito, il personale delle provincie, trasferito alla Regione ha invero prodotto un aumento dei costi (circa 4 milioni annui in più) essendo state le loro retribuzioni parificare all'insù a quelle del personale regionale. Le competenze e funzioni delle provincie sono semplicemente ritornate alla Regione e quindi ciò che prima quest'ultima trasferiva loro come finanziamento ora rimane in Regione stessa. Ma, comunque, quei denari saranno utilizzati per investimenti dalla Regione stessa o demandati alle UTI per le medesime finalità. Quindi, non c'è proprio alcun risparmio! Proprio le UTI che hanno sostituito le Provincie, sono una ulteriore fonte di maggiore spesa, oltretutto in contraddizione con il dettato della legge istitutiva che invece prevederebbe quale filosofia fondamentale che le stesse producano forti risparmi (assumono nuovo personale, nominato ben 18 direttori generali e nuovi direttori di servizio dette posizioni organizzative). 

Quindi, le affermazioni dell'assessore in carica sono espressioni con le quali confonde l'astratto con la realtà dei fatti che, appunto, non danno nessun risparmio. 

I governanti della Regione non sapendo più come uscire dal tunnel in cui si sono cacciati cercano in tutti i modi di far vedere una realtà che francamente non esiste. Lo scandalo di quanto sta accadendo non sono i costi a cui si fa riferimento bensì la mancanza di un piano serio che a regime – quattro cinque anni - dica con chiarezza quali e quanti saranno i benefici delle riforme prodotte da Serracchiani e &. La verità è che, oggi, la riforma si è incagliata in una trattativa estenuante per decidere quali funzioni assegnare alle UTI e poi per le sessanta modifiche che alla legge a dimostrazione che la giunta regionale non ha mai avuto le idee chiare ma solo tanta confusione e pressappochismo.

Bisogna però riconoscere che l'assessore all'inizio del suo mandato aveva detto che le UTI non erano “aggregati obbligatori” ma poi, vista la sua proverbiale e riconosciuta “competenza” del settore,  è stato costretto a ripiegare perché la Presidente Serracchiani ha voluto con forza imporre l'obbligatorietà. E, infine, l'ingenuità e/o l'arroganza della maggioranza di centro sinistra compreso il voto favorevole del candidato in pectore Bolzonello, ha voluto demandare a delibere di giunta tante parti attuative della norma compresa la mappatura dei confini delle UTI dando di fatto il via alla possibilità di ricorsi. E tutto ciò perché non hanno avuto il coraggio o la capacità di decidere in Consiglio regionale in sede di approvazione della legge.

E, adesso, dopo aver combinato questi guai, cercano di correre ai ripari raccontando la fiaba dell'orso!

 

Lì, 17 novembre 2017


Archivio News

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale