News
PIL E LAVORO: SUPPLEMENTO DI ANALISI


Sento il bisogno, oggi, di parlare di Pil, lavoro e occupazione. Lo faccio per puntualizzare quanto ci viene propinato dagli istituti che si occupano del fenomeno. E lo faccio inoltre perché l'entusiasmo che vorrebbero stuzzicare è in gran parte fuori luogo.
Parlano di dati non chiari come quelli  sul lavoro. Il tasso di occupazione sale al 58,1% e in un anno gli occupati sono cresciuti di 156 mila unità ma  non specificano che a salire sonò solo quelli a termine, ovvero i precari:+ 409 mila, mentre quelli a tempo indeterminato che il Jobs act doveva spingere con il contratto a tutele crescenti, calano di 62 mila.
Poi, c'è il problema del debito pubblico. La stretta fiscale ha permesso al governo di centrare per la prima volta, la previsione di un calo del rapporto debito/pil che passa dal 132% nel 2016 al 131,5% nel 2017. Per crearlo il Tesoro è ricorso alla liquidità di cassa per ridurre lo stock di debito. Questa mossa rischia di lasciare il Paese con poche munizioni in caso di turbolenze finanziarie e c’è il rischio, che il debito aumenti di 5-6 miliardi nel caso che l'Eurostat richiedesse l'inclusione nel debito delle garanzie pubbliche stanziate dal governo per i salvataggi bancari. Per fortuna del Pd la decisione arriverà comunque dopo le elezioni.
Ecco, bisogna fare attenzione e saper distinguere i dati e mettere in rilievo il senso delle parole che accompagna i dati stessi. Diversamente non si fa un buon servizio d'informazione lasciando tutto in una indistinta nube dove non si capisce alcunché.


Lì, 02 marzo 2018

Archivio News

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale