News
IL MIO PUNTO DI VISTA

Premetto che gli attori in campo sono tutti infarciti di idee che orientano giudizi e comportamenti, e che l’ideologia sovrasta comunque ciascuno di noi. Ad esaminare il caso della Sea Whatc non possiamo esimerci dalla osservazione che ho premesso. Per essere ancor più chiaro, tanto la comandante Carola Rakete, quanto il Ministro degli Interni Matteo Salvini, devono fare i conti con la scena che sta alle loro spalle e che condiziona fortemente tanto l’una quanto l’altro.

Fatta questa precisazione, cerco di rappresentarmi la vicenda nel seguente modo: Carola si prodiga a salvare 40 naufraghi, Salvini intende respingere qualsiasi approdo che non sia preventivamente garantito dai flussi regolari.

Il conflitto tra i due protagonisti è del tutto evidente. Sono due atteggiamenti tra loro contrapposti: ciò che vuole l’uno è respinto dall’altro.

Ora, sappiamo che cosa sia accaduto. Televisioni e giornali ci hanno fatto mille volte riandare con gli occhi e con la mente ai fatti. È pertanto inutile aggiungere una mia ulteriore versione. Tanto, già sapete tutto. Il mio compito è da che parte collocarmi.

Perché è evidente che qui una posizione va pur presa.

Alla luce della sentenza del Giudice, è chiaro che l’azione della giovane tedesca non può essere in alcun modo punita. Ragioni di spessore umano elevato reggono la decisione del Giudice. Il conflitto, in una società civile, è sempre rigorosamente demandato alla corte della giustizia. Il politico ha altri compiti e le persone possono, per fortuna, criticare i dispositivi della Magistratura, ma devono comunque rigorosamente rispettarli. Quello che fa specie, invece, è che Salvini, da Ministro degli Interni, ha apertamente, in forma diretta, in chiaro, protestato nei confronti della sentenza, apostrofando pure il Giudice affermando che quello che ha fatto è un giudizio politico.

Non posso, per ragioni squisitamente razionali, non mettere all’indice una posizione così espressa; Salvini, in quanto individuo può  permettersi qualsiasi avversione al giudizio del Gip, ma non può, perché rappresenta anche me oltre che tutti voi, farlo da Ministro dell’Interno. 

È bene sottolineare questo aspetto perché ci sono troppe questioni delicate sotto questa vicenda; pertanto, esaminare con serietà il fenomeno può essere molto utile per chiunque.

Potrei anche sbagliarmi, potrei anche scrivere delle cose non del tutto fondate. Questo è sempre possibile. Ma scrivo proprio perché qualcuno possa rilevare le mie vuotezze e correggere quanto vado dicendo. In fondo, essendo stato io un democristiano vicino al pensiero di Aldo Moro, ho appreso in quel partito, il sacrosanto diritto di esprimere apertamente la propria convinzione, ma di riconoscere anche le osservazione degli altri nei miei riguardi perché la democrazia, in fondo, è un esercizio che si pratica in questo modo.

Non so se io, nella condizione data, mi sarei comportato  come la comandante Carola. Non lo so. Anzi, pensandoci su, probabilmente non ho la stoffa per gettarmi in simili imprese; posso però dire con certezza che, pur avendo anche io più volte criticato alcune sentenze, so distinguere ciò che è lecito fare da libero cittadino rispetto a quello che non andrebbe in alcun modo compiuto se rappresentante delle Istituzioni.

Per concludere, ciò che di sacro ci ha dato la società moderna, è la netta separazione tra potere legislativo, politico e giudiziario; bisogna sempre salvaguardarlo, per non cadere nelle conformazioni che la storia ci ha consegnato sotto vesti e forme dittatoriali.

 

 

Luglio 04, 2019

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale