News
GIUSEPPE CONTE EX PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

La battaglia di questi giorni con tutta probabilità sarà l’ultima di una lunga guerra tra lega e 5Stelle cominciata subito dopo l’approvazione delle due misure bandiera: reddito di cittadinanza e riforma della Fornero. La fine del conflitto è stata segnata dal discorso al Senato del Presidente del Consiglio tra un vice alla sua sinistra, mummificato in una posa platealmente impassibile e l’altro, alla sua destra solo apparentemente composto ma pronto a sottolineare con moti ed espressioni i passaggi salienti.

La piece più interessante di tutta la recita, andata in scena a ferragosto al Senato dal Presidente Conte, è proprio la parte che si è riservato. Abbiamo individuato , in essa tre distinti atti. Primo tempo: la reprimenda a Salvini che ondeggiava tra il tono del rimprovero solenne che si fa in classe all’alunno scapestrato, e l’insulto al rivale: il copione non prevedeva urla come nelle liti tra automobilisti ma l’uso del tono paludato ed altezzoso ad un tempo per scaricare comunque gli insulti peggiori e le offese più sanguinanti che si rivolgono prima di venire alle mani. Secondo atto: prevedeva l’auto celebrazione quale uomo di Stato, sicuro di se stesso, convinto del suo status superiore nel parlare di se in terza persona auto chiamandosi Presidente del Consiglio, incensandosi come una sorta di statista ed accusando il rivale non già di offesa alla sua persona bensì all’istituzione governativa, espediente retorico ben noto a cui ricorrono i poveretti per elevarsi laddove essi, per la loro meschinità, non potrebbero mai giungere se non per un colpo di immeritata fortuna.

Il terzo atto, forse il più spudorato è quello della chiusura dove Conte, sempre più convinto di essere lo statista del quale la patria non potrà fare a meno, ha presentato il programma del suo nuovo governo, un terzo atto molto lungo e perciò letto più in fretta infarcito di luoghi comuni conditi in una salsa ambientalista che tutto dovrà avvolgere in un mitico ritorno alla natura incontaminata cioè in sostanza niente TAV, niente ferrovie, niente opere pubbliche niente fabbriche, un pezzo frutto probabilmente dei suggerimenti che sembrano scritti a due mani da Toninelli con il ministro dell’ambiente.

Stupisce che questo Carneade riscuota un notevole successo nei sondaggi e sia stato capace di far dimenticare ciò che si è ben guardato dal ricordare della sua permanenza a Palazzo Chigi.

All’inizio, durante la confusa fase di formazione del governo quando la sua candidatura sembrava caduta e la scelta del Capo dello Stato era per Cottarelli, l’uomo salito con il trolley al Quirinale, il nostro avvocato, professore ed da ultimo statista aveva già integrato il suo curriculum auto definendosi, in anticipo, Presidente del consiglio del governo italiano! Poco tempo dopo, seduto davanti alle telecamere al fianco del suo mentore Di Maio, che allora aveva da poco cessato di vendere bibite allo stadio San Paolo, gli chiese, non tanto a bassa voce da non essere colto dal microfono: “questo lo posso dire?” Di Maio gli fece cenno di no e lui se ne rimase zitto. Successivamente la sua figura di capo di governo andò sfumando e l’intera scena fu occupata dai due vice, Di Maio e Salvini, tanto che molti credettero che il presidente non ci fosse proprio. E’ noto inoltre che le riunioni del consiglio dei ministri da lui convocate sono state le più brevi della storia repubblicana: duravano pochi minuti ciascuna. Del resto a cosa dovevano servire se le decisioni erano prese sempre tra Di Maio e Salvini che poi gliele comunicavano? Non si è mai ben capito se l’impossibilità di svolgere il suo compito cioè quello di garantire l’indirizzo unitario del governo, come prescrive la costituzione, sia dovuta alla sua incapacità ovvero ad una obiettiva difficoltà di portare a sintesi posizioni talmente divergenti.

Questo è sin qui sempre avvenuto ma lo statista si è guardato bene dal trarne le conseguenze presentandosi dimissionario al quirinale come avrebbero fatto, anzi hanno sempre fatto, tutti indistintamente i suoi predecessori con ben diversa autorevolezza, dignità e senso dello Stato e delle istituzioni, temi dei quali Conte ha saputo solo infarcire il suo discorso. Ma la documentazione inoppugnabile si è avuta nella seduta di discussione parlamentare sulle mozioni pro e contro la TAV per la quale Conte, a rischio del collo, si era dichiarato favorevole. La commedia è stata assolutamente inedita: al parlamento i due partiti al governo si pronunciano in modo apposto; il ministro delle infrastrutture Toninelli con una leggerezza pari solo al suo senso e alla sua conoscenza della costituzione, dichiara che la mozione anche se favorevole alla TAV vincola il parlamento e non il governo…! Al momento della pronuncia del voto i due sottosegretari indicano ai propri di votare l’uno, il leghista, insieme a tutti gli altri partiti, per il sì alla Tav, e l’altro, il pentastellato, per il no : si è materializzata così la rappresentazione pubblica, notarilmente anotata nei verbali del parlamento italiano, della conclamata crisi di governo e dell’obbligo, non solo di dignità e morale ma conforme alla mai sino ad ora derogata prassi costituzionale, di salire al Colle per presentare le dimissioni.

Eppure è avvenuto il contrario: anzi , forse non tutti lo ricordano, quella surreale seduta parlamentare in cui tutto ciò è avvenuto si è svolta alla presenza della poltrona del presidente del consiglio, ma assolutamente e continuativamente vuota. Forse il paragone è irriverente (nei confronti dei Savoia) ma è stato inevitabile pensare, guardando quel trono dal quale Conte ha poi pronunciato il suo roboante discorso sulle Istituzioni, alla fuga del Re e della sua corte da Roma al precipitare della guerra. Ci viene in mente per definire la statura politica di questo premier una sola delle tante citazioni fatte nei discorsi e ci dispiace di citarne solo una violando la par condicio: Salvini ha ricordato il pensiero pronunciato da Don Abbondio raggiunto dai bravi: “il coraggio , se uno non ce l’ha, non se lo può dare”. Appunto.

Conclusione: Ogni epoca crea i suoi statisti. A noi è capitato questo ma almeno possiamo osservare con orgoglio e come esimente che nessuno di noi ha mai votato lui e quel suo governo.

 

 

 

Agosto 22, 2019

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale