News
È ANCORA SULLE BARRICATE

Ebbene sì, Feruccio Giuseppe Saro merita comunque un applauso. Gli sono piovuti addosso rimproveri e critiche, lo hanno fatto apparire come l’uomo costretto a rinchiudersi nei sottofondi, seguito ancora da centocinquanta persone, quasi avvolto da un velo di tristezza, ma io, a cui non è stato mai particolarmente simpatica la politica di Ferruccio, riconosco che, pur essendo un gesto solitario, un gesto ricolmo d’aristocratica bellezza.

 

Troppo facile dare addosso quando i suoi luogo tenenti, i suoi capitani, quelli più in vista, gli girano le spalle. Mi è più simpatico adesso. Così, preso nella sua inedita solitudine.

 

È ben vero, c’erano pure alcune figure datate, che non hanno più alcuna risonanza nel mondo attuale. La sala, che a dir il vero, sembrava più una tana che un salone politico, pulsava di presenze. La nota più stonata è che non si è intravisto nemmeno un trentenne e forse qualche quarantenne:. Erano presenti persone già segnate dai trascorsi politici e mancanti di necessaria freschezza.

 

È stato un po’ debole nella sua esposizione. S’è guardato bene dal colpire il capo. Ha addossato le colpe ad una figura secondaria, attribuendo a costui la responsabilità dell’assenza dei suoi. Mi aspettavo invece che aprisse varchi nuovi, che fosse più garibaldino, svolgere una funzione ormai completamente tramontata altrove, vale a dire la funzione critica. Insomma, immaginavo che potesse essere un Bettino Craxi quando a governare era Ciriaco De Mita. Invece le ali non si sono spiegate e il volo è rimasto radente. Il coraggio non lo ha retto nella sua serata.

 

Comunque sia, in una landa deserta, Saro è l’unico a creare dialettica politica. Sì, certo, ridotta, priva di forza, quasi vinta da vergogna, ma è pur l’unica!

 

Lo ha accompagnato un solo consigliere regionale. E qui bisogna soffermarsi. Vale più uno, che tre. Perché con quel consigliere Saro siede comunque in maggioranza. Fossero stati tre, avrebbe creato un fastidio nelle sale del trono, che lo avrebbe in qualche modo messo in antipatica. Così, invece, paradossalmente, si salva. Sta ancora là, avrà il merito che non hanno gli ex suoi, perché quanto meno lui sa che cosa è la politica. Gli altri sono sempre stati sin dall’inizio afoni e privi dell’abilità che compete a quel “mestiere”.

 

Diciamo che la tappa non è la tappa finale. Che quel mondo lì è ancora sospeso. Che i renitenti si stanno chiudendo le opportunità. Non lo sanno ma così sta capitando. Fossero stati abili, si sarebbero aggrappati all’unico che ha ancora voce. E quest’ultimo ha comunque dimostrato la forza di manifestarsi. In una commedia teatrale gli ex sarebbero delle pure e banali comparse. Mentre lui avrebbe un bel ruolo in tutti gli atti della commedia.

 

Per questo, a differenza i commenti sentiti, io tributo un plauso a Saro. È pur sempre un esempio di persona che mastica politica, che con i suoi mezzi propone qualcosa e che riesce a introdurre la dialettica in un mondo completamente appiattito. 

 

E non mi direte che io passi per uno che si è messo dietro le bandiere dell’uomo di Martignacco. Non l’ho mai fatto. Ma si deve riconoscere anche qualche brillantezza, dove qualcuno intende invece, ad arte, vuole nascondere od opacizzare.

 

 

 

Novembre 14, 2019

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale