News
SIAMO UN PAESE A PEZZI

 Tutti i nodi che assillano il nostro Paese stanno venendo al pettine. E così il declino italiano si trasforma in decadenza strutturale e irreversibile. Forse nell’opinione pubblica è percepito il silenzio del vuoto delle contromisure. Ma non c’è ancora la piena coscienza delle conseguenze devastanti che si stanno producendo. 

Da un lato c’è il Paese che viene giù a pezzi. La cronaca ci offre a ritmo sempre più incalzante gli esempi di un territorio, urbano e non, che per effetto delle mancate manutenzioni e dell’ottuso rifiuto di ogni ammodernamento infrastrutturale, è oggetto di devastazione. È un fenomeno che prende molte forme, dal dissesto idrogeologico all’incuria dei centri urbani grandi e piccoli. Le reazioni alle grandi calamità naturali, poco dopo l’evento lasciano il passo alla lentezza burocratica e al disinteresse. Lo Stato ha speso centinaia di miliardi per mettere pezze anziché per fare una politica fondamentale di prevenzione. 

 

 

Ma il “partito del No”, del non spendere in manutenzioni perché non paga elettoralmente, ha fatto anche molti altri danni, le cui conseguenze si stanno manifestando tutte assieme. Pensiamo alle infrastrutture di trasporto o a quelle energetiche (Tap) e di telecomunicazioni (siamo indietro con il 5G). Ma ci riferiamo anche alle infrastrutture di trattamento dei rifiuti, la cui mancanza lascia città come Napoli e Roma nel caos più assoluto.

La “slavina Italia” è però fatta anche e soprattutto della progressiva desertificazione industriale del paese. Il caso dell’acciaio dell’Ilva è sicuramente il più clamoroso e gravido di conseguenze oltre che quello di mostrare l’incompetenza della classe politica al comando. Ma le molte crisi aziendali aperte e lasciate marcire ci dicono che l’Italia è nella morsa del declino industriale. Si pensi ai programmi di rilancio che da anni ci vengono annunciati per l’Alitalia, con una spesa pubblica dedicata al suo sostentamento di ben 9 miliardi, senza peraltro mai rimuovere le ragioni di inefficienza che rendono Alitalia  incapace di reggere i costi.

 

Tutto questo si riflette non solo sul Pil ma anche sull’umore degli italiani. Insomma, ci troviamo di fronte a una condizione che ci impedisce ogni forma di programmazione e ci rende miopi. Lo sono prima di tutto i partiti e il personale politico. Lo è la pubblica amministrazione e in generale ogni forma di burocrazia, anche quelle private. Lo sono le rappresentanze che si nutrono di cultura corporativa e non conoscono l’abc dell’interesse generale. Ma, occorre dirlo, un po’ miopi lo siamo anche noi tutti, che optiamo più per la sfiducia e il rancore che per la reazione costruttiva. Solo che ora siamo di fronte all’accumularsi di danni incalcolabili. Il conto del cattivo governo e del non governo dei problemi ci si sta presentando tutto in un colpo. 

Occorre reagire con maturità. Altrimenti il prezzo che saremo chiamati a pagare, noi e soprattutto le. Prossime generazioni, sarà drammaticamente alto.

 

 

 

Novembre 23, 2019

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale