News
GUARDIAMO AVANTI

 

 

Bisogna pur guardare avanti. Non possiamo esimerci da questo compito. Siamo nelle difficoltà, ma nonostante ciò, è fatto obbligo di traguardare il presente e cercare di immaginare il nostro impegno nel tempo futuro. 

 

Questo malanno finirà. Dobbiamo averne piena consapevolezza. E quando terminerà ci consegnerà un campo di battaglia piuttosto devastato. Per questo motivo, sin da ora, bisogna organizzare il pensiero e la volontà, al fine di riordinare al meglio il nostro mondo.

 

La produzione di ricchezza, che in sostanza significa il mantenimento della vita di tutti noi, sta subendo una battuta d’arresto come mai capitata in precedenza. Per lo meno, la stragrande maggioranza di noi, ha attraversato un lungo periodo privo di conflitti e ha potuto svolgere la propria esistenza in una sorta di paradiso terrestre. Non so se questo malanno sanitario farà più danni di quanto non abbiano fatto altri momenti difficili della vita umana, ma è certo che già si capisce quanto funesta sarà stata la sua presenza. 

 

Noi possiamo far conto di una realtà particolarmente importante. Questa realtà si chiama Stato italiano. Da 160 anni questa struttura consente a noi tutti di avere una base concreta su cui poggiare certezze, diritti, doveri, speranze e, in ultima analisi, il fondamento del nostro essere cittadini.

 

E, allo Stato che si chiederà l’intervento. Sarà lo Stato a dare garanzie. E, quando dico lo Stato, intendo dire tutti quanti noi. Perché noi, nel nostro integrale insieme, costituiamo lo Stato. 

 

Stanno soffrendo tutte le fonti produttive. Imprese, attività di ogni genere e ogni tipo,  e ogni punto in cui si organizza il lavoro umano. Soffrono pertanto tutti coloro che organizzano il lavoro, quanto coloro che hanno il compito di svolgerlo direttamente. A tutti costoro lo Stato dovrà dare una risposta per risolvere quanto prima, le gravi incertezze che incombono sulla produzione. 

 

Dalla cassa integrazione, ai contributi alle imprese, alle grandi realtà, anche ai più piccoli esercizi commerciali, turistici, di ristorazione, alberghieri, etc., il Governo non potrà non mettere in atto una serie compiuta di misure per reggere la vicenda. Penso a interventi contributivi per compensare il mancato reddito causato dalla obbligatorietà della chiusura degli esercizi pubblici per evitare la possibile e terribile condizione fallimentare degli stessi. 

 

Lo sta già facendo. Lo dovrà fare ancora. Dovrà farlo nel miglior modo possibile. Non trascurando alcunché. Per ora, le misure adottate sono anche tamponi. Quindi parziali. Si tratterà di studiare organicamente e con massima puntualità dei provvedimenti che sappiano togliere le gravità economiche che incombono su loro. 

 

Questa impostazione suonerà un po’ Statalista. Immaginatevi una condizione a raggio Statale limitata e contenuta, non vedrebbe attuarsi una vera carneficina darwiniana? Da vecchio democristiano, ho sempre considerato importante il welfare solidaristico, purtroppo è da una ventina d’anni che quel vanto sembra essersi affievolito. Credo però che, alla luce di questi tristi fatti, sia giunto il momento di riordinare le idee e di ritrovare uno spirito comunitario meno frammentato, perché proprio questa tragedia fa capire che si potrà uscirne solo attraverso una impostazione più intelligente e più efficace del pensiero politico.

 

 

Marzo 24, 2020

Archivio News

2020

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale