News
Chiusura Stazioni Forestali per clientele!

Sta suscitato sgomento e incredulità tra i cittadini del FVG e dei Comuni Montani l’iniziativa di chiusura di molte stazioni forestali montane da parte della Regione.
Infatti, l’Assessorato regionale delle risorse agricole è intenzionato a cancellare ben 5 Stazioni Forestali, di cui 4 con competenza su territori montani ed aree Parco, e due nella Provincia di Pordenone.
Se ciò accadesse, sono facilmente immaginabili i conseguenti effetti negativi sui servizi Istituzionali forniti dal Corpo Forestale, creando un ulteriore pesante distacco tra la Regione e i cittadini dei già fragili territori montani.
Questo è lo scenario che si sta prospettando con la richiesta avanzata la scorsa settimana dal Direttore del Corpo Forestale alla Direzione della Funzione Pubblica.
Naturalmente la risposta non si è fatta attendere a lungo e c'è stata una dura presa di posizione da parte di Sindaci, Consiglieri Regionali, Sindacati, uffici regionali e cittadini, tutti sconcertati dal continuo e logorante smantellamento dei servizi, sottolineando la gravità della chiusura delle stazioni forestali, che da sempre sono presenti sul territorio al servizio delle Comunità locali.
La Stazione Forestale di Claut, costruita e istituita nel 1930 al servizio dell’alta Valcellina, negli anni 2000 (con un Finanziamento della precedente Giunta Tondo) venne completamente  demolita e ricostruita sulle stesse fondamenta in una nuova unità immobiliare con locali adibiti ad uffici, due appartamenti, una foresteria  e un garage, intervento che ha comportato un impegno di spesa e di risorse pubbliche regionali di circa 800.000 euro.
Essa è stata inaugurata solamente il 10 novembre 2009 da parte dall’attuale Assessore Violino e dal suo direttore, gli stessi che oggi propongono la sua chiusura.
Ma c’è di più: proprio lunedì 3 ottobre sono iniziati ulteriori lavori di completamento degli esterni ed interni per un’ulteriore spesa di circa 50.000 euro.
Dalla sua storica Istituzione, la Stazione Forestale di Claut è sempre rimasta aperta e operativa anche durante il difficile periodo della guerra e negli anni a seguire; essa è stata, ed è, il punto di riferimento quotidiano non solo dei residenti della nostra vallata e della giurisdizione, ma anche dei tantissimi turisti ed escursionisti che frequentano le montagna.
La sua importanza è testimoniata anche dall’assegnazione negli ultimi anni di maggiori compiti Istituzionali: è stata insignita infatti come Stazione di riferimento principale del Parco delle Dolomiti Friulane,  ed  è stata inserita nel programma di protezione delle Dolomiti, che ricordo essere state riconosciute dall’Unesco come patrimonio Mondiale per l’umanità.
Rappresenta il Distretto Antincendio e controlla un vasto territorio montano la cui giurisdizione è la più estesa della Regione, infatti comprende i Comuni di Claut, Cimolais, Erto Casso, e parte di Forni di Sopra e Sotto, garantendo la sua operatività 365 giorni all’anno ad una popolazione montana di circa 2000 abitanti.
La proposta di chiusura delle Stazioni Forestali di Comeglians, Resia, Meduno, Claut e San Dorligo (TS), del Noava e del Centro didattico Naturalistico ed Ambientale di Basovizza, realizzato solamente qualche anno fa, dove la Regione ha investito 2,5 Ml di euro di fondi Comunitari, sarebbe un gesto inqualificabile che ancora una volta andrebbe a scapito degli interessi delle popolazioni delle zone montane.
C’è inoltre da evidenziare che in particolare le Stazioni di Claut, Meduno e Resia sono anche Stazioni Forestali a Parco, con specifici compiti Istituzionali, all’interno dei due più importanti Parchi Naturali della nostra Regione, e inserite nel programma di tutela ambientale riconosciuto dall’Unesco a protezione delle Dolomiti.
Crediamo che se questa iniziativa dovesse andare a compimento genererà un forte scontento nell’opinione pubblica che, tra l’altro, non capirebbe la ragione per cui prima si spendono molti denari per realizzare e completare queste strutture per poi, subito dopo, chiuderle!
E, ancor di più, ci chiediamo quale possa essere la reazione dei cittadini se questi venissero a sapere che la motivazione del provvedimento ha come intento quello successivo di aprire sei nuovi servizi per accontentare altrettante figure di coordinamento, la cui gestione potrebbe essere assegnata con assoluta discrezionalità e senza merito, magari per ragioni elettorali!
Ci auguriamo che le attuali Stazioni Forestali continuino la loro importante funzione, e che il Presidente Tondo fermi questo insano disegno della loro cancellazione, che viene fatto per soli fini clientelari.
Ha ragione anche lo scrittore Mauro Corona che, ancorché tardivamente, si è accorto che Tondo si è rivelato una delusione, affermando che alle prossime elezioni non lo voterà più.
Confidiamo che la volontà di chiusura delle Stazioni Forestali da parte della Giunta Tondo rappresenti un ulteriore motivo, anche per Mauro Corona, di non dare più il proprio appoggio al centro destra.

Trieste, 09 ottobre 2011

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale