News
Lancio Serracchiani, poi addio alla Regione!

I VOTI AI “MIGLIORI”: mi hanno colpito intelligenza di Cecotti e capacità di lavoro di Illy 

C’è più dispiacere o sollievo nel lasciare dopo 20 anni il Consiglio regionale?
Né l’uno né l’altro sentimento, ma la consapevolezza che dopo aver partecipato attivamente e con grande passione politica alla vita legislativa della nostra Regione per un così lungo periodo, non si può che essere soddisfatti di aver portato un contributo alla crescita economica sociale e culturale della nostra Regione.

Un risultato di cui è orgoglioso e l’errore che non rifarebbe?
Di aver collaborato, anche con l’aiuto delle organizzazioni sindacali e di categoria, a risolvere molte crisi aziendali che nel quinquennio 1993-98 rappresentavano notevole preoccupazione sia per il numero di fabbriche coinvolte sia per le migliaia di lavoratori che rischiavano di perdere il loro posto di lavoro, tra cui la Ferriera di Servola.
A volte mi è capitato di sottovalutare l’importanza delle manifestazioni popolari. Ho imparato che il dialogo e il confronto sono fondamentali per la ricerca delle possibili soluzioni condivise e che non bisogna mai evitarlo.

Qual è stata la legislatura più produttiva e la giunta più all’altezza in questi 20 anni?
La legislatura 2003/2008 è stata prodiga di leggi importanti e la Giunta Illy ha dimostrato grande capacità operativa e di lavoro nell’attuazione del programma elettorale.

E il miglior Presidente?
Mi hanno colpito la grande intelligenza e la genialità del Presidente Sergio Cecotti, e la notevole capacità di lavoro del Presidente Illy.

E’ arrivato a detestare qualche avversario politico?
No, non ne ho mai avuto ragione, anche perché ho sempre scelto il confronto diretto.

Quale, invece, l’avversario più leale e rispettoso delle istituzioni?
Difficile far nomi perché sono tanti e non vorrei dimenticare nessuno. Del resto la lealtà e il rispetto verso le istituzioni deve essere la base per ogni buon politico.

Per quello che ha visto, ammette che troppo spesso i consiglieri orientano il loro potere verso la difesa del proprio orticello elettorale?
Bisogna distinguere tra il consigliere lungimirante che guarda all’insieme delle problematiche rispetto a quello che si limita alla difesa del proprio orticello. Devo riconoscere che ci sono entrambe le tipologie ma che prevale quella che ama tutelale il bene generale.

Anche nell’ultima legislatura tra Corte dei conti e Procura più di un politico, lei compreso, è entrato nel mirino della magistratura. E’ davvero difficile gestire il potere in assoluta trasparenza?
È vero, con sempre più frequenza chi ha cariche pubbliche è sempre più nel mirino della magistratura. A volte a ragione a volte a torto. È vero piuttosto che i limiti di un’azione pur corretta nel principio e nella concretezza, sono sempre più ristretti. In ogni caso ciò che più tranquillizza per chi entra in una situazione di questo genere, è la consapevolezza di aver agito correttamente e in coerenza col mandato ricevuto. L’importante è che la verità emerga sempre evitando pregiudizi a priori.

Serracchiani ha fatto il passo avanti che ha messo d’accordo tutto il Pd. Crede che ci possano essere sorprese sul fronte del centrosinistra o toccherà davvero all’europarlamentare sfidare Tondo?
Debora Serracchiani ha fatto il passo più giusto in questo momento in cui, per vincere contro Tondo, è importante far emergere una forza unita nel PD per garantire governabilità e durata. La nostra regione ha bisogno di un governo stabile che dia slancio per la  ripresa.

Lei ha spesso ricordato la sua inesperienza. Teme che possa essere un fattore negativo nel confronto con Tondo?
In questi tre anni ha maturato diverse esperienze. Sarà poi determinante la squadra che saprà scegliersi.

I maligni sostengono che lei remerà contro Serracchiani. Che ne pensa?
Penso che i maligni alla fine vengono sempre smentiti.

Ipotesi parlamento per lei dopo 20 anni di Consiglio. Lo riterrebbe il giusto premio alla sua carriera politica?
Ciò che accadrà saranno gli eventi a stabilirlo. Quel che è certo è che rimando a disposizione del partito.

Se le cose dovessero andar male, andrà “in pensione“ dalla politica?
Ovviamente il tempo della pensione arriva per tutti. Ma per me non verrà mai meno la passione per la politica che segnato totalmente il percorso della mia vita.

C’è un suo erede nella politica regionale?
Nel gruppo che rappresento dentro il PD ci sono più persone che potranno farsi strada in politica perché si sono impegnate seriamente e hanno coltivato il seme della politica come elemento fondamentale per lo sviluppo della nostra società.

Lei lascerà il Consiglio con 200mila euro di buonuscita e oltre 4 mila euro al mese di vitalizio. Sono troppi soldi?
Qualcosa nel sistema va rivisto? Le pessime condizioni economiche del Paese richiedono obbligatoriamente di rivedere tutto il sistema per una più equa ridistribuzione della ricchezza rimasta. E anche il livello delle indennità degli uomini pubblici dovrà essere rivisto. In questa legislatura qualcosa è stato fatto ma si dovrà continuare sulla strada imboccata.

Alla fine dei giochi, andrà a cena con l’Assessore Riccardi?
A cena o a pranzo ci vado con Riccardi a prescindere dalla fine dei giochi. Ma nulla cambierà rispetto la mia convinta opinione che per la terza corsia si poteva fare diversamente da come Riccardi ha impostato. Si poteva fare di più e meglio, senza indebitare la nostra Regione e per tanti anni a seguire le future generazioni che per i prossimi trent’anni saranno costretti a sobbarcarsi un fardello pesantissimo!


Trieste, 06 agosto 2012

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale