News
Non si approvi l'accordo di programma per l'ospedale!

Ritengo singolare l'atteggiamento assunto dal Comune di Pordenone che, pervicacemente, intende accelerare le procedure per l'approvazione dell'accordo di programma necessario all'avvio delle procedure per la costruzione del nuovo ospedale in Comina.
Non si capisce quali siano le ragioni di una accelerazione di tal fatta considerato che negli ultimi cinque anni nessuno si é mai agitato così tanto come in questo ultimo periodo.
Non sarà l'imminente campagna elettorale per le regionali  il vero motivo di questa schizzofrenia? Mi auguro non sia così!
Non vorrei che l'approvazione dell'accordo di programma, così frettolosa, nasconda la volontà d'impedire, da un lato, l'indizione del referendum consultivo richiesto dalla cittadinanza e, dall'altro, delegare al prossimo governo regionale che s'insedierà fra solo qualche mese, di definire altre soluzioni per l'ospedale di Pordenone.
E a fronte di questa situazione, non si capisce la ragione per cui non si rinvii la decisione al dopo elezioni per consentire a tutti di valutare con maggiore serenità e specialmente, senza la spinta dell'emotività elettorale che é certo, influisce in termini non positivi sul piano della ponderazione legata alle scelte migliori.
Poiché non si tratta di una decisione de minimis ma di una struttura socio-sanitaria legata anche ai destini di una nuova organizzazione sanitaria che potrebbe generare scompensi ai cittadini della provincia e, in particolare, all'attuale ruolo degli ospedali di rete, il buon senso dovrebbe portare a riflettere con quell'attenzione che finora non si é vista.
Non credo sia sufficiente affermare che, nonostante l'approvazione dell'accordo si programma, sarà possibile in un seconda fase, valutare gli effetti del progetto di finanza, magari modificandolo.
Il progetto finanziario del nuovo ospedale deve essere radicalmente rivisto per l'eccessivo costo complessivo fatto questo che non sarà possibile rivedere in una fase successiva.
Ma com'é possibile continuare sulla strada con questo strumento finanziario considerato che altre Regioni, dove l'hanno già sperimentato, stanno tornando rapidamente indietro perché hanno scoperto l'eccessivo costo finanziario non solo a carico delle istituzioni ma anche dei cittadini!
E’ assolutamente necessario rinviare l'approvazione a dopo le elezioni e consentire ai cittadini di esprimersi con il libero strumento del referendum.
Questa soluzione farebbe bene a tutti, al Sindaco di Pordenone in particolare, ma anche alle altre istituzioni della provincia, perché com'é noto e non bisogna mai dimenticarselo, l'ospedale non é solo un “affare” di Pordenone ma di tutto il territorio provinciale.
Quindi non si tolgano le cosiddette “castagne dal fuoco” a Tondo perché non c'è alcuna fretta per un'opera che richiede i suoi tempi e, specialmente, coperture finanziarie sostenibili con le attuali mutate condizioni economiche; infine, rimane il quesito, al quale nessuno ha mai risposto, su cosa si farà dell’attuale sito ospedaliero.
Non è che si sia già surrettiziamente deciso di realizzare altri appartamenti, visto che a Pordenone ce ne sono in sovrabbondanza e che, così facendo, non si farebbe altro che svalutare quelli attualmente utilizzati?

 

Lì, 01 marzo 2013

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale