News
Tempi bui per l'ospedale di Pordenone!

Sulla vicenda del nuovo ospedale di Pordenone non si può che esprimere tristezza per quanto accaduto in questi ultimi cinque anni e rabbia per quanto sarebbe stato possibile fare raggiungendo l’obiettivo di una nuova struttura sanitaria già operativa.

Oggi, invece, vediamo solo macerie causate da una politica pasticciata e confusa, frutto di una sfrenata ambizione che non ha tenuto in considerazione la crisi economica da un lato e, dall'altro, l'assenza di una seria strategia per una organizzazione socio-sanitaria adeguata alle nuove necessità.

In questi giorni assistiamo al rimpallo delle responsabilità per la mancata firma di un “famigerato” accordo di programma per la realizzazione della nuova struttura ospedaliera in Comina.

Molti si stracciano le vesti accusando ora gli uni, ora gli altri per essersi assunti la responsabilità di voler affossare il progetto.

Qualcuno si è pure spinto ad affermare che così facendo, quelli che si fregheranno le mani saranno gli udinesi e i triestini che potranno approfittare dell'impasse pordenonese scippando i centocinquanta milioni di euro messi a disposizione per il nuovo ospedale.

Queste affermazioni sono, ovviamente, solo un tentativo di scaricare responsabilità

E’ noto infatti  che gli unici responsabili sono coloro che cinque anni fa hanno fatto un'apertura di credito al Presidente Tondo, di procedere con l'insana idea di realizzare una struttura sanitaria costosissima in un luogo diverso da quello di via Montereale che, diversamente, avrebbe potuto raccogliere, in maniera egregia, tutte le esigenze sia di natura economica sia di organizzazione sanitaria.

Un ospedale nuovo, quello che si vorrebbe fare in Comina, che non nascerà mai per tante ragioni. La prima che i soldi veri non ci sono perché Tondo ha preferito dare quelli pronta cassa del Ministero della Salute a Udine e Trieste e la seconda perché anche il fronte del centro destra si sta dividendo a fronte di ripensamenti che portano all'individuazione di un nuovo sito, diverso da quello della Comina.

Insomma si continua a perdere tempo, a fare confusione con l'unico risultato che chi ci rimette è la comunità provinciale. Tante chiacchiere, prese di posizioni più rivolte all'agire in difesa di preconcette iniziative politiche prive di buon senso.

La prossima legislatura, qualsiasi sia la forza politica che vincerà le elezioni, dovrà fare i conti con la realtà di una crisi economica acuita che non permetterà investimenti come quelli previsti per la Comina, dovendo fare i conti con una situazione che richiede molta parsimonia finanziaria.
Quindi è molto probabile, anche con l'indicazione che uscirà dal referendum (sempre che chi di dovere lo consenta di fare), che si addivenga alla scelta del  sito attuale di via Montereale perché finanziariamente  più conveniente oltreché per l'ottima collocazione logistica e per l'adeguatezza organizzativa.

 

Lì, 15 marzo 2013

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale