News
L'IMPEGNO PER UN PAESE MIGLIORE!

La sentenza della Corte di Cassazione nei confronti di Silvio Berlusconi ha drammaticamente spostato l'asse del dibattito politico dalle riforme di cui il Paese ha urgente bisogno, all'annosa querelle di chi fa il tifo per il leader del PdL e tutti coloro che hanno fatto dell'avversità nei suoi confronti l'unica ragione d'essere.

La politica Italiana, con la sfida articolata e complessa del governo Letta e gli indirizzi di riforma che il Presidente della Repubblica ha affidato al Parlamento nell'atto di insediamento, aveva fatto un netto passo avanti.

In questi giorni, sembra invece che ne abbia fatti due indietro.

E non è certo una colpa imputabile solamente al condannatoai sui fan (falchi o colombe che siano) e alla tentazione di scaricare sulla politica e le istituzioni, una verità processuale che non si vuole accettare. Buona parte della colpa è imputabile anche al Pd e ad alcuni dei suoi dirigenti, che non sono riusciti in 20 anni ad ottenere una vittoria politica vera e netta nei confronti di Berlusconi e che applaudono alla soluzione giudiziaria che lo toglie (credono loro) di mezzo.

Una soluzione che compiace una parte del popolo della sinistraal quale il Pd invece di indicare un progetto vero di modernizzazione del Paese, ha preferito somministrare quotidiane dosi di anti berlusconismo. Ottima copertura, tra le altre cose all'inconsistenza dei progetti e al vuoto di idee.

Gli scenari futuri sono davvero imprevedibili.

Da una parte, il PD ha scelto (per ora) di consolidare la rappresentanza del blocco sociale di riferimento che storicamente è rappresentato da sindacati, cooperative rosse, una certa parte di associazionismo, pensionati, pubblico impiego... un blocco sociale che lo fa essere il più conservatore dei partiti progressisti d'Europa.

Dall'altra il PDL, che continua a rappresentare (a torto o ragione) un'altra parte del Paese, meno definibile, che dal dopoguerra in poi è sempre stata maggioritaria, è appeso al filo di una leadership che non lascia intravedere un "dopo".

Una cosa è certa. Lo scontro al vertice del Pd e le vicende giudiziarie di Berlusconi rischiano di disgregare due partiti che, insieme, rappresentano oltre il 55% degli elettori e quasi il 65% della rappresentanza parlamentare.

In questo scenario Scelta Civica, pur con mille difficoltà dovute ad un risultato elettorale non all'altezza delle aspettative e alla diversità delle sensibilità delle persone che ne fanno parte, rappresenta l'unica vera novità per chi crede che il nostro Paese non deve restare ostaggio di chi si agita perché nulla possa cambiare.

Le istituzioni, gli enti locali, l'organizzazione dello stato, il lavoro, l'economia e tanti altri ambiti della vita quotidiana hanno bisogno di una stagione di grandi riforme, perché l'Italia possa tornare a crescere.

Questa è la ragione per cui è nata Scelta Civica ed è la stessa per cui, proprio in una fase delicata, può diventare il luogo dell'azione politica per le persone che vogliono fare dell'Italia un Paese solido, forte, moderno e competitivo.

Ci sono molti altri temi sullo sfondo.

La collocazione politica europea e quella Italiana in particolare.

Ci sono anche diversità di vedute ma ci sono gli strumenti (il congresso) e il tempo per riflettere, discutere e decidere insieme.

Oggi é importante attualizzare le ragioni per cui Scelta Civica è nata, che sono strettamente legate al desiderio di ciascuno di noi dare un contributo per migliorare le condizioni dell'economia e della coesione sociale nel nostro Paese.

 

 

Addi, 07 agosto 2013

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale