News
INTERVISTA A "IL PICCOLO"
«Gli indagati Pd si dimettano E Debora faccia altrettanto»
L’ex capogruppo Moretton: «Il governo Serracchiani è ormai compromesso Pesano i consensi raccolti da candidati “ineleggibili”. Persa la fiducia della gente»

di Marco Ballico TRIESTE Si dovrebbero dimettere tutti, non solo i consiglieri coinvolti nell’inchiesta sui rimborsi “pazzi” della scorsa legislatura, ma anche Debora Serracchiani, la presidente della Regione. La posizione, estrema, è di Gianfranco Moretton. L’ex uomo forte del centrosinistra, il vice-Illy, il quattro volte consigliere regionale rompe un lungo silenzio e dice la sua su questioni che conosce molto bene (pure lui, ex capogruppo del Pd, è tra gli indagati). Un’opinione molto netta. Che non fa sconti a nessuno.

Moretton, fa il nonno o si prepara a un rientro in politica? Fare il nonno mi piace ed è molto gratificante, ma non a tempo pieno. E, per la verità, dalla politica non sono mai uscito.
Lei ha aderito ai montiani, ma poi non se n’è fatto niente alle regionali. Come procede il progetto? Sono stati fatti passi importanti: l'approvazione dello statuto e l'avvio del radicamento nel territorio regionale di Scelta civica per il Friuli Venezia Giulia.
Il futuro? Il partito dovrà ritagliarsi spazi di autonomia per valorizzare e difendere le peculiarità della regione e presentarsi ai prossimi appuntamenti elettorali con maggiore forza evitando interferenze esterne come purtroppo accaduto alle regionali di aprile. Nostalgia del Pd? Assolutamente no. Uscire dal Pd ha significato per me sentire prima degli altri, o come altri, il disagio che si era creato al suo interno. Avere il coraggio di dirlo e scegliere qualcosa più in linea con il mio sentire mi pare una scelta coraggiosa, soprattutto libera. Non ho voluto tradire me stesso e chi, come me, ha sempre trovato collocazione nel centro moderato.
Come giudica i primi cento giorni di governo regionale? Niente critiche per adesso. Si sarebbe però dovuto agire con più decisione.
Su quali fronti? La presidente ha dimostrato grande dinamismo nei rapporti con il governo nazionale riallacciando rapporti con la capitale che Tondo aveva interrotto. Non è invece positiva la mancata manovra per rendere meno stringente il patto di stabilità per i Comuni, ora in gravissime difficoltà. E la nuova legge regionale che stanzia gli 80 milioni a favore degli imprenditori per il recupero crediti dalla pubblica amministrazione non risolverà il problema causa i tempi lunghi e la farraginosità delle procedure.
Il caso rimborsi. Ammette che la politica, e lei aveva un ruolo di primo piano, ha pensato di poter usare i soldi di Pantalone in totale libertà? Il finanziamento pubblico, così come impostato, lasciava ampi spazi di utilizzo. Ma è l'agire coscienzioso o meno che altera il fine e soprattutto l'utilizzo dei finanziamenti. Ho visto a volte superficialità, a volte spregiudicatezza. Nella valutazione finale sono queste cose che fanno la differenza. Avrebbe firmato l'impegno alle dimissioni chiesto da Serracchiani ai consiglieri uscenti e rieletti eventualmente coinvolti nell’inchiesta? No, non l'avrei firmato, Più che una garanzia per il candidato, mi è sembrato un agire in malafede di Serracchiani.
Che cosa intende? Se all’aspirante presidente servivano quei candidati, per prima avrebbe dovuto avere massima fiducia nelle persone che si candidavano con lei e per lei. Dopo di che la vicenda si è complicata ulteriormente. Serracchiani ha vinto e ha potuto costruire un governo attraverso i consensi degli stessi che ora dovrebbero dimettersi. Dimissioni che non possono però bastare.
Per quale motivo? Il governo Serracchiani risulterebbe comunque compromesso da consensi raccolti da candidati “ineleggibili”. Di conseguenza, anche il suo consenso e la fiducia dei cittadini viene meno.
Ma che cosa dovrebbero fare i coinvolti del Pd? Dimettersi assieme a Serracchiani.
Chi vede come prossimo segretario regionale Pd? La difficoltà di scegliere il candidato più giusto mi libera totalmente da questa incombenza. La lascio volentieri agli interessati.
Terza corsia, un suo cavallo di battaglia. Con i 120 milioni del “Fare bis”, qualcosa si sta sbloccando? Purtroppo vedo ancora tanta confusione. É difficile sbloccare in breve questa situazione perché si è aspettato troppo per avviare progettazione e programmazione lavori nei tempi più convenienti e già stabiliti. Tondo è stato nominato commissario straordinario nel 2008. Mi pare che di acqua sotto i ponti in tutti questi anni ne sia passata troppa senza che fosse consolidata una azione significativa.

 

 

Addì, 10 settembre 2013

Archivio News

2020

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale