News
Adesso, dopo il pdl, tocca al pd

La speranza e' che la tempestosa fine del Pdl e la conseguente travagliata rinascita di Forza Italia, segnino la definitiva scomparsa del centro-destra così come lo abbiamo fin qui conosciuto. Non per fare una cortesia al centro-sinistra, ma al contrario nella convinzione e speranza che lo scompaginarsi di un polo produca lo stesso effetto nell’altro. La dichiarazione di Alfano che annuncia la nascita di un nuovo gruppo parlamentare che si chiamerà “Nuovo centro-destra”, lascia presumere che la spaccatura sia a questo punto definitiva. Spaccatura che si è consumata anche in SC tra coloro che guardano a destra e quelli che guardano al popolarismo di centro riformista. E tale da consentire la nascita di una nuova maggioranza di governo, più ristretta ma un po’ meno disarticolata di quella nata per ragioni di sopravvivenza dopo il punitivo voto di febbraio.

 

Tuttavia, il tema non è tifare per le colombe e contro i falchi in modo da evitare la sciagurata ipotesi di far cadere un governo di larghe intese che il giorno dopo eventuali elezioni anticipate si dovrebbe riformare per mancanza di alternative. No, la speranza, è che la rottura in casa Berlusconi metta in moto una valanga che finisca per travolgere anche il Pd, peraltro già ben predisposto di suo a rompersi per via della guerra in atto tra le fazioni in campo, che fa presagire quello che è già stato definito uno “scisma silenzioso”. L’obiettivo è quello di seppellire una volta per tutte e senza alcuna possibilità di riesumazione la sciagurata stagione politica chiamata Seconda Repubblica. A questo punto, infatti, soltanto l’implosione di Pdl e Pd può consentire quel “big bang” che è necessario non solo per cominciare a costruire la Terza Repubblica, ma anche per evitare che il prossimo appuntamento elettorale si trasformi in uno tsunami disastroso, capace di aprire le porte a forze populiste contrarie a una maggiore integrazione europea e favorevoli alla fine dell’euro.

 

Certo, dopo l’implosione bisognerà ricostruire. Ma intanto il “big bang” avrà consentito di rompere gli apparati e scremare il personale politico. Poi bisognerà far largo a forze nuove, le quali si vedranno invogliate a provarci grazie agli spazi che si saranno aperti. Ed è un gran bene che questo processo, complicato ma inevitabile se si vuole salvare il Paese evitando che precipiti nel baratro di una crisi politico-istituzionale senza sbocchi, avvenga prima delle elezioni, non per causa delle elezioni. Consideriamo più che sufficiente l’avviso alla politica mandato con la scorsa consultazione elettorale: 10 milioni di voti in meno a Pd e Pdl, un’astensione senza precedenti e il 25% a Grillo sono segnali inequivoci. Ora si tratta di trarne le conseguenze.

Avendo cura di buttare a mare prima del tempo il governo. Non perché meriti la sufficienza ma perché non ce n’è un altro a portata di mano. Se poi il governo ci mettesse un briciolo di suo per trarsi d’impaccio, sarebbe anche meglio. Per esempio, non è pensabile che vari la manovra finanziaria e poi la lasci straziare da un branco famelico di emendatori, che nella maggior parte dei casi, intendono peggiorarla. Il governo ha deciso di varare questa legge di stabilità? Bene, se ne assuma la piena responsabilità e la difenda. Il governo si è accorto che le scelte che ha fatto non vanno o che qualcuno sta proponendo idee migliori? Ancor meglio, si assuma la responsabilità di dire al Paese che ha sbagliato e ne proponga una nuova. L’importante è che usi la fermezza. Perché la cosa peggiore che si possa fare è iniettare dosi di incertezza in un corpo, quello sociale e produttivo italiano, che è già fortemente debilitato. Altro che “va bene qualunque modifica purché lasci invariati i saldi”. Anche perché sappiamo come finisce: che la manovra ne esce peggiorata e con i saldi “sforati”. Visto l’alto tasso di instabilità politica che ciascuno pensa a massimizzare il proprio specifico nella convinzione, quasi sempre erronea, di guadagnarci elettoralmente, perché è proprio con questo atteggiamento remissivo che si alimenta l’instabilità e quindi l’incertezza. Non è questione di “palle d’acciaio” o meno, è questione di cifra politica.

 

Addì, 16 novembre 2013

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale