News
Manca una politica per la ripresa economica!

La situazione economica sta precipitando nella nostra Regione e in particolare nella provincia di Pordenone che, fino a qualche tempo fa, rappresentava l'area dove il PIL e la massima occupazione svettavano. 
Ora le cose sono radicalmente cambiate. La crisi ha colpito la grande industria con le conseguenti ricadute sulla micro e piccola impresa. Un disastro annunciato che deve preoccupare molto e che avrebbe dovuto essere prevenuto a tempo debito,  nel limite del possibile, evitando di rincorrere i problemi come, purtroppo, ora sta accadendo. 
Era ed è necessario che le istituzioni competenti attivino piani di sviluppo per il rilancio dell'economia mettendo sul mercato la realizzazione delle tante opere pubbliche ferme al palo per diverse ragioni ma anche sostenendo il privato cittadino sul versante dell'edilizia abitativa. 
Non bastano le laconiche dichiarazioni che indirizzano pririotà d'intervento in favore degli affitti agevolati pur considerando l'esistenza anche di questo problema. 
Ci vuole ben altro, se s'intende dar corso a un concreto sostegno al mondo delle aziende del settore che da tempo reclamano attenzione manifestando fortissima preoccupazione per la loro permanenza sulmercato del lavoro e dell'occupazione. 
Nella realtà concreta dei fatti si sta verificando una situazione assai allarmante perche' molte opere pubbliche, già cantierabili, sono ferme non solo per questioni legate al famigerato patto di stabilità, ma soprattutto per l'inerzia di chi dovrebbe assumere decisioni per l'accelerazione delle procedure concorsuali. 
Bloccate strutture viarie con provvedimenti di sospensione non motivate per decine di milioni di euro, nonché grandi opere infrastrutturali ferme al palo per volontà politica , frutto di scellerati accordi elettorali con comitati di vario genere. Anche il settore della casa non é più in cima alle scelte della Regione che ha risolto il problema bloccando qualsiasi attività finanziaria a sostegno delle famiglie e dei giovani che intendono avventurarsi nella realizzazione della prima casa. 
Fatto molto grave che con un colpo di spugna si sia cancellato la “questione casa” che aveva posto la nostra istituzione regionale quale punto di riferimento per il resto dell'Italia. 
Il risultato rende ancor più scabrosa la condizione lavorativa ed economica generando pesanti situazioni di minor flusso delle entrate nelle casse della Regione che, come è noto, vedono negli ultimi anni precipitare consistentemente le quote di compartecipazione. 
E tale fatto, complica ancor di più la già scarsa capacita' del Governo regionale di mettere in atto politiche di sviluppo economico, sociale e culturale. 
Una situazione che ora ha messo in guardia, allarmandole, anche le associazioni di categoria del settore che confidano nella Regione prima che sia licenziata la finanziaria per il 2014. La speranza è che l'attesa non sia vana!

 

Addì, 04 dicembre 2013


Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale