News
Una finanziaria che disorienta!

Il Consiglio regionale ha licenziato la finanziaria per il prossimo anno che non ha ne arte ne parte. Gli sforzi del Governo regionale nel tentativo di giustificare la limitata portata politica e strategica del documento contabile non sono riusciti a convincere nessuno, neanche l'organizzazione sindacale con cui la Giunta ha più affinità politica. 
È stato detto che sono stati evitati tagli lineari, che i tanti capitoli non finanziati saranno oggetto di attenzione nella fase di assestamento di bilancio a luglio e, infine, che il comparto socio-sanitario é in sicurezza. 
In realtà , non ci sono politiche che consentano di vedere prospettive sia di sviluppo economico che di riforme strutturali specialmente per il comparto più sensibile e nevralgico come quello della salute. 
Una finanziaria che sicuramente non ha un'anima, che ha prestato attenzione solo all'aumento delle poste della cultura, pur riconoscendone l'importanza, ma che non ha considerato l'insieme delle tante problematiche regionali. 
Basti vedere come sono state  affrontate le politiche sanitarie e sociali per capire l'assoluta mancanza di qualsiasi pianificazione e programmazione nonostante il taglio di ben centoventi milioni di euro a cui si aggiungono situazioni deficitarie di varie aziende sanitarie territoriali e ospedaliere. 
C'è da chiedersi  quali risposte saranno date ai cittadini che si rivolgono al sistema sanitario regionale in assenza di qualsiasi idea di riforma che consenta di gestire il complesso sistema che dovrà fare i conti con una così notevole riduzione di spesa. 
Immaginare di procedere con tagli empirici significa mettere in ginocchio il sistema sanitario regionale. Diffondere ottimismo o peggio certezze sul fatto che il sistema e' in sicurezza, significa mistificare la realtà dei fatti e ciò non depone a favore di buone politiche socio-sanitarie. E' altresì del tutto inutile dichiarare che non sarà chiuso l'ospedale di rete di Gemona se non si decide una volta per tutte di affrontare ciò che si fece nel lontano 1997 con la riforma Fasola di ristrutturazione della rete ospedaliera. 
Infatti da quel tempo i diversi Governi regionali non hanno avuto il coraggio di riprendere in considerazione il problema della rete ospedaliera. 
E' infatti risaputo che i posti letto dovranno essere ridotti anche nella nostra Regione, pur autonoma sul versante dell'organizzazione sanitaria,e sarà necessario agire presto prima che sia troppo tardi considerato che gli effetti finanziari continueranno ancora a colpire le casse regionali. 
Il silenzio di una parte del sindacato, pur sensibile a questi problemi, non potrà proseguire ancora  perché già si sentono le prime lamentazioni per l'assenza di politiche a tutela della parte più fragile e sensibile della società. 
Si sentono inoltre i primi scricchiolii del sistema di organizzazione sanitaria, un tempo ben strutturato, ma che oggi ha perso gran parte del suo potenziale proprio perché nulla si è fatto. 
Il tempo che viviamo non consente più connivenze di questo tipo con una Regione che non ha saputo dare giuste priorità alla sua finanziaria: nessuna strategia per il sociale, per la sanità e per l'economia. 
Invece, tutto viene lasciato andare alla deriva!

 

Addì, 15 dicembre 2013

 

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale