News
Un consuntivo assai preoccupante!

Il 2013 ormai volge al termine. La speranza che possano cambiare le funeste condizioni economiche e sociali che si sono abbattute anche nel nostro territorio causando molte chiusure aziendali è tanta ma il livello di disoccupazione e' troppo alto e continua incessantemente ad aumentare.
Un anno che ha segnato grandi cambiamenti nella politica sia nazionale che regionale. Letta é il nuovo Presidente del Consiglio dei Ministri dopo le elezioni politiche e il fallimento del tentativo di Bersani che voleva a tutti i costi l'appoggio del movimento 5 stelle, vero vincitore delle elezioni.
E, qui, la clamorosa sconfitta di Tondo, dovuta solo a se stesso per la palese incapacità di aggregare il centro destra, e la vittoria di Serracchiani per un pugno di voti, nuovo Presidente della Regione FVG. Per entrambi i Presidenti otto mesi di governo, il tempo necessario per capire l'impostazione strategica della loro azione.
Il Governo Letta promette soluzioni taumaturgiche alla crisi in atto, alle riforme istituzionali ed elettorale ma oltre alle parole non seguono fatti concreti. L'unico elemento degno di nota e' la legge elettorale che, pur non essendo riformata a causa della accesa conflittualità dei partiti, trova nella Corte costituzionale la clamorosa bocciatura per incostituzionalità del cosiddetto Porcellum.
Uno schiaffo ai Partiti, al Parlamento e al sistema politico così come oggi congegnato che impalla l'assunzione di decisioni istituzionali! Per il resto, un Governo Letta solo di annunci, infarcito da più di qualche bugia come l'affermare che le tasse sono state ridotte e che la ripresa economica e' ripartita con la creazione di nuovi posti di lavoro.
Non sarà che qui al nord, in controtendenza alle rassicurazioni Lettiane, diventa un'eccezione la chiusura quotidiana di tante imprese di grande, media e piccola dimensione con le conseguenti massicce perdite di posti di lavoro? Quindi, c'è da chiedersi se il Governo romano-centrico abbia ben chiaro lo stato dell'economia reale del Paese o se, invece, viva in una dimensione virtuale, come ai tempi dell'economia virtuale dietro la quale non esisteva la produzione. Un Governo,quello delle larghe intese, che fino a ora non saputo neanche aggredire uno dei mali peggiori del sistema: la burocrazia che invece sembra essersi fermata al tempo dei Borboni (vedasi notizia odierna della nomina di ben oltre 200 Prefetti, praticamente due per ogni Provincia). Alla faccia della semplificazione e del contenimento della spesa pubblica!
Poi c'è il Governo regionale che con il suo nuovo Presidente eletto direttamente ha preso in mano quanto ereditato da Tondo: un bilancio con poche risorse a causa delle minori entrate, e all'ormai "famoso" accordo capestro stipulato con Tremonti che sottrae ben 370 milioni ogni anno per un federalismo fiscale mai nato (unica regione in Italia che ha firmato un accordo di tal fatta)!
Sono bastate solo poche settimane dall'inizio della legislatura per capire che il nuovo presidente é più interessato a partecipare ai talk show, a collezionare incarichi anziché' risolvere le innumerevoli problematiche aperte e a non concretizzare il cambiamento della Regione.
Insomma, un forte impegno di marketing per occupare le pagine dei giornali piuttosto che fatti concreti. Una formazione giuntale volutamente debole costruita su misura per non far ombra al Presidente. Un unico responsabile politico nella figura del vice Presidente a cui è stato assegnato un mega assessorato che accorpa tutte le delega delle attività produttive che ha raggiunto un grande obiettivo: la completa ingessatura del sistema rendendolo di fatto inutile nella operatività per eccesso di competenze.
Il risultato che ne consegue e' la totale mancanza di soluzioni concrete ai tanti problemi. E ciò accade perché non c'è tempo per elaborare idee e soluzioni con la conseguenza che ci si limita a rincorre il problema senza prevenirlo. Per il resto tutto rimane come prima: solo annunci roboanti di grandi riforme con la promessa di farle più avanti (vedi politiche sanitarie e sociali e delle autonomie locali); in materia di personale vige il nulla se non la riconferma delle stesse posizioni organizzative che aveva lasciato in eredità il Governo Tondo.
E, per ultimo, la triste vicenda della terza corsia. Qui si raggiunge l'apoteosi del Commissario regionale alle infrastrutture che sovraintende pure le società di Autovie Venete e la disastrata Strade FVG spa che nell'ambito della realizzazione della terza corsia e delle opere connesse ha generato il nulla incapace pure di riallacciare i rapporti con l'Anas soggetto di riferimento importantissimo per la realizzazione di tali opere. Sono trascorsi otto mesi e il rischio reale e' che la Regione arrivi al default non solo per le minori entrate accertate, ma anche perché è diventata terreno di conquista da parte di società esterne che acquistano società del FVG spostando i centri decisionali fuori regione. E, qui, purtroppo la politica sta zitta. Connivenza o incapacità?

 

 

Addì, 29 dicembre 2013

 

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale