News
Economia pordenonese in affanno!

La crisi economica in Provincia di Pordenone si fa sentire più che nel resto del territorio regionale, diversamente da Udine e Gorizia dove si toccano con mano piccoli ma significativi segnali di ripresa anche nel manifatturiero, grazie alle esportazioni. 
Una situazione, quella pordenonese, che richiederebbe un focus particolare per analizzare le ragioni di una crisi così profonda ma pure per individuare possibili soluzioni alternative per il comparto produttivo. 
Le aziende grandi, medie e piccole che si trovano in forte difficoltà sono parecchie. Fanno testo, in qualità di grandi aziende, sia l'Electrolux, sia l'Ideal Standard il cui prodotto realizzato non è più competitivo con i costi di realizzo di altri Paesi con le conseguenze negative che con ogni probabilità causeranno la delocalizzazione delle aziende stesse. Ma i risultati negativi non si fermano alle grandi aziende in quanto anche quelle dell'indotto devono affrontare difficoltà con ricadute produttive e occupazionali molto preoccupanti. 
Di fronte a questa situazione si sono attivati tavoli di trattativa con le aziende interessate da parte delle Istituzioni locali e Regionale congiuntamente alle organizzazioni sindacali per trovare soluzioni salvifiche. 
Una miriade di incontri sia in sede locale, regionale che nazionale per convincere Electrolux e Ideal Standard a rivedere le loro posizioni di riduzione del personale o peggio di chiusura delle fabbriche. 
Per il caso Electrolux le soluzioni si allontanano sempre più e una moltitudine di rinvii degli incontri programmati non fanno ben sperare. 
Per l'Ideal Standard, invece sembra esserci una guerra sotterranea per contendersi il mantenimento dell'azienda sul territorio. E, in questo caso, lo stabilimento di Orcenico é quello che sembra destinato a soccombere rispetto a quelli di Roccasecca nel Lazio e di Trichiana nel Veneto. 
Ci deve essere la consapevolezza che questa situazione non fa bene a nessuno se non alla titolarità dell'azienda che sulla divisione dei rappresentanti istituzionali locali, ha buon gioco. 
Infatti, sin dall'inizio delle trattative aziendali, si è manifestata con chiarezza la posizione del Veneto che con i loro massimi esponenti regionale e nazionale, hanno avuto una condotta fra loro unitaria ponendo in condizione di notevole debolezza la fabbrica di Orcenico. 
E la notizia di oggi del non riconoscimento della Cassa Integrazione ne é la prova inequivocabile. 
Purtroppo la provincia di Pordenone vive una condizione di precarietà nella conduzione politica e nella proposta di strategie per l'assenza di un piano di politica industriale che rilanci le prospettive economiche del territorio. 
Questo momento avrebbe richiesto la nascita di una task force di personalità politiche, economiche e istituzionali capaci di elaborare una idea progettuale innovativa per guidare il processo di forte cambiamento industriale. 
Allo stato attuale non si intravvede nessuna posizione in tal senso e nel mentre il tempo per cercare soluzioni sta per scadere, si rende necessaria una immediata iniziativa della politica regionale che purtroppo sembra non volersi muovere come dovrebbe per evitare il peggio.

 

Addì, 15 gennaio 2014

Archivio News

2020

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale