News
LA CRISI CONTINUA !

Non accetteremo di alzare bandiera bianca. Con queste parole il Presidente del Consiglio ha affrontato il caso Electrolux assicurando che il governo sta lavorando per scongiurare la chiusura degli stabilimenti italiani.
Speriamo di sapere presto quali provvedimenti concreti saranno assunti per rilanciare la produzione dell'elettrodomestico ma più in generale come saranno rimossi i tanti problemi che riducono la capacità competitiva anche di molte altre aziende.
E sì, perché il problema non coinvolge purtroppo solo il manifatturiero ma anche altri settori e per evitare il tracollo si rendono necessarie cure immediate ed incisive. Allo stato attuale il Governo non ha dimostrato di avere un progetto che preveda la riduzione della tassazione a carico delle imprese tantomeno di avere un piano di rilancio degli investimenti.
Quindi é evidente che di fronte al persistere di una politica che si distingue solo per la sua incapacità di decidere e di portare avanti scelte riformatrici ed economiche, le imprese italiane non riusciranno a superare le pesanti difficoltà che le investono.
A tutto ciò si aggiungono le preoccupanti decisioni di alcuni grandi gruppi industriali nazionali di voler trasferire la loro sede fiscale ma pure quella legale in altre nazioni.
È evidente che ciò danneggerà le casse dello Stato che avranno minori entrate da investire proprio in favore del comparto produttivo.
Sconcerta che su questa vicenda ci siano state dichiarazioni da parte di responsabili istituzionali che non si preoccupano della delocalizzazione dello stato giuridico aziendale perché tanto in Italia rimane l'occupazione.
Forse da parte di costoro non c'é la consapevolezza che il secondo passo dopo aver spostato la sede legale e fiscale sarà di delocalizzare anche le proprie produzioni con le conseguenti ristrutturazioni aziendali che porteranno a inevitabili consistenti riduzioni di personale.
Esattamente come sta accadendo per Electrolux e, fra non molto tempo, per altre attività produttive di cui già si sentono i primi rumors.
Per le nuove regole imposte dalla feroce competizione dovuta alla globalizzazione dei mercati é indispensabile saper difendere la competitività delle nostre aziende con una politica lungimirante che sappia puntare all'innovazione e alla riduzione del costo del lavoro pur consapevole che ci sarà sempre un altro Paese nel mondo dove costerà meno. Si rende perciò necessario andare sempre più verso un manifatturiero capace di generare al suo interno un alto valore aggiunto con una maggiore ingegnerizzazione del processo produttivo, una più capace iniziativa di governo della catena globale degli approvvigionamenti, più specializzazione e, in prospettiva, forse anche più retribuzione della forza lavoro.
Cioè cambia il tipo di mansione all'interno ma rimane il manifatturiero inglobando attività che finora sono state esterne.
Ed è evidente che a maggior ragione le istituzioni nazionale e regionale dovranno predisporre piani d'intervento compatibili con le regole della concorrenza, che sappiano dare impulso agli imprenditori con provvedimenti legislativi e amministrativi di sburocratizzazione da un lato e di contenimento energetico dall'altro.
Diversamente nulla potrà frenare la fuga verso l'estero del patrimonio imprenditoriale del Paese e nel nostro caso del Friuli Venezia Giulia dove non sono si sono ancora viste le altre crisi aziendali in gestazione e che, purtroppo, daranno altra disoccupazione.
Se ci sarà la volontà di operare rapidamente in tal senso, forse non tutto sarà perduto!

 

Addì, 31 gennaio 2014


Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale