News
Prevenire si può !!

Con il Regio Decreto del 25 luglio del 1904 , n. 523 “testo unico delle disposizioni di legge intorno alle opere idrauliche delle diverse categorie, fondamentale per quanto concerne le acque soggette a pubblica amministrazione e polizia delle acque pubbliche”, sono state definite le norme per le bonifiche e le sistemazioni idrauliche. 
Con Legge 183/1989 “norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo, istitutiva delle autorità di bacino” sono state poste le condizioni per la difesa del suolo. Inoltre con la direttiva europea, 2000/60 e' stata definita la direttiva quadro delle acque. 
Nonostante tutti questi provvedimenti legislativi, il risultato é che ancora oggi non sono state costituite le autorità di bacino distrettuali ma, in compenso, è stata abolita quella regionale che avrebbe dovuto pianificare tutti gli interventi del settore idraulico. 
E tutto ciò che funzionava con il Genio Civile e con il Magistrato alle acque, le cui competenze e funzioni sono state trasferite alla Regione che però, non ha destinato risorse per realizzare l'ufficio della polizia idraulica per il controllo sistematico delle acque e, soprattutto, non ha definito una politica che destini con priorità finanziamenti per le sistemazioni idrogeologiche e per la difesa idraulica. 
Le grandi opere previste dall'autorità di bacino dell'alto adriatico sono state messe in discussione o addirittura eluse. 
Infatti il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 28 agosto 2000 che approva il piano stralcio per la sicurezza idraulica del medio e basso corso del fiume Tagliamento, in parte già finanziato é rimesso in discussione dal cosiddetto “laboratorio Tagliamento” voluto dalla Giunta Tondo ma che allo stato attuale non ha prodotto alcuna soluzione alternativa alla pianificazione nazionale ancor oggi esistente, perché finora mai nessuno l'ha cancellata con un apposito provvedimento di legge. 
Ovviamente qualcuno dovrà spiegare le ragioni di questa colpevole inerzia fine a se stessa che non fa altro che mettere ad alto rischio di esondazione le popolazioni rivierasche. 
Alla fine il risultato di questa politica è la seguente: il fiume Livenza é straripato; tutta l'area sotto le risorgive é allagata; i fiumi Fiume, Sile, Meduna, Noncello, Lemene, Stella, Corno, Aussa, Cormor, Lavie e Reghena sono in piena; alta marea nell'Adriatico. 
Quindi bisogna pianificare strategie di interventi dal punto di vista idraulico e reperire i fondi dando priorità alle risorse rimaste disponibili. 
Così facendo si eviterà di causare ulteriori patemi d'animo alle popolazioni e si arginerà la possibilità che si verifichino danni enormi al territorio con la perdita di vite umane come purtroppo accaduto nel passato. 
Fare diversamente per poi piangere il morto ad ogni sempre più frequente evento alluvionale, dimostrerebbe l'incapacità e l'incoscienza della classe politica.

 

Addì, 02 febbraio 2014

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale