News
MANCA UNA POLITICA PER LE PARTECIPATE !

Nonostante la difficile situazione di Friulia Holding per la possibile uscita delle banche ma anche per l'urgente necessità di coprire il passivo di trentasei milioni di euro (di cui otto di Medio Credito), generatosi in questi ultimi anni per investimenti non oculati dovuti anche all'aver fatto interventi a pioggia in favore di diverse aziende, non si conoscono quali siano i piani di rilancio della Regione per le sue partecipate. 
A sentire il Presidente della Regione e i suoi più stretti collaboratori, sembrerebbe che tutto sia sotto controllo e che non ci sia nulla di cui preoccuparsi. 
Anzi si rivolge un laconico appello al buon senso delle banche qualora decidessero optare per l'acquisizione delle azioni di Autovie Venete come previsto dai patti para-sociali approvati dal Governo Illy ma rinnovati anche da Tondo, visto che nel passato le stesse banche sono state gratificate dalle finanziarie regionali. 
In realtà, l'atteggiamento assunto dalla Regione, risulta essere poco incline alla capacità di comprendere la gravità della situazione, vista la grave fibrillazione finanziaria in cui si trovano le sue finanziarie non tenendo altresì nella debita considerazione le ricadute negative che la mancanza di decisioni rapide di salvataggio, provocherebbero. 
Friulia Holding oltreché occuparsi della sua complicata situazione finanziaria dovrà considerare anche le condizioni in cui versano, in particolare, Autovie Venete e Medio Credito. 
Infatti, una delle ragioni che hanno causato il gravissimo stato economico-finanziario delle partecipate, e' dovuta alle scelte sbagliate fatte dal centro-destra nella precedente legislatura, come quella di aver acquistato la maggioranza assoluta di Medio Credito con la conseguenza di acquisire le tante sofferenze accumulate dallo stesso istituto bancario. 
Inoltre, non bisogna dimenticare la caparbietà con cui Tondo ha voluto finanziare la costruzione della terza corsia inguaiando Autovie Venete che ha predisposto piani finanziari che non sono nella condizione di autofinanziarsi. 
E, infine, si é reso necessario anche il coinvolgimento della Regione costretta a mettere in campo decine di milioni di euro di garanzie fideiussorie per acquisire il finanziamento ponte di centocinquanta milioni di euro concesso dalla Cassa Depositi e Prestiti. 
Quindi ci si trova di fronte a un mosaico molto complicato per il quale se non s'interviene con immediatezza, c'é il rischio di compromettere il sistema di sostegno all'economia regionale e alle piccole e medie imprese. 
Ma, nonostante il palazzo rischi di bruciare, sembra che nessuno se ne preoccupi più di tanto. Anzi, sull'intera vicenda vige un incredibile silenzio sia da parte del Presidente della Holding Friulia sia della Regione che finora si é comportata come se il caso non esistesse. Tutto ciò a dimostrazione che manca totalmente una politica per le partecipate regionali!

 

 

Addì, 20 febbraio 2014

Archivio News

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale