News
Per crescere serve cambiar rotta La ripresa non c’è e non ci sarà, senza un piano Marshall che non sia “lacrime e sangue”, ma neanche un libro dei sogni. Realtà batte fantasia 6 a 0. Dopo aver “scoperto” con inusitato stupore che nel primo trimestre la nostra economia è tornata a decrescere e aver appreso con la solita rassegnazione che il debito pubblico ha segnato l’ennesimo record (a marzo è aumentato di 12,8 miliardi, raggiungendo il nuovo massimo storico di 2.120 miliardi), ieri si è venuti a sapere che i consumi continuano a calare, visto che nei primi 3 mesi dell’anno le imprese del commercio contabilizzano un deprimente -3,7%, con il commercio al dettaglio non alimentare che risulta essere il più penalizzato (-4,2%). Così come pure il settore dei servizi se la passa male (-2,6% sempre nel primo trimestre), con il segmento turistico che mette a segno il risultato peggiore (-4,1%). Mentre la ripresa rimane una chimera, considerato che Unioncamere ci informa che i due terzi delle imprese del commercio e i tre quarti di quelle dei servizi prevedono sarà “calma piatta” anche nel secondo trimestre 2014. E il “non manifatturiero” pesa per oltre il 70% sul pil. Allora, vogliamo smetterla di credere che la ripresa la porti la cicogna, di volta in volta chiamata Expo, semestre europeo, Alitalia data in sposa ad Ethiad, pagamento dei debiti delle pubbliche amministrazioni? Tutte ottime cose, per carità, ma che non sono e non possono essere, neppure tutte assieme, un traino sufficiente per tirarci fuori da una stagnazione che è il massimo che la favorevole congiuntura internazionale ci poteva e ci può regalare dopo la più lunga e grave recessione della nostra storia. E, di conseguenza, vogliamo archiviare la fase dei proclami, delle slide e dell’autoreferenzialità e al contrario vogliamo imboccare la strada di provvedimenti organici, racchiusi in un grande progetto di trasformazione della società, dell’economia e delle istituzioni? Insomma, vogliamo predisporre e gestire quel “piano Marshall” che occorre per tirare fuori davvero il Paese da un declino che rischia rapidamente di diventare irreversibile? Non si tratta, sia chiaro, di dare i voti al governo per quanto è stato fatto (e non fatto) fin qui, ma semmai di evitare che la pagella sancisca la bocciatura di qui in avanti. O meglio, dal 26 maggio in poi. Si tratta, infatti, di far passare quest’ultima settimana che ci separa dal voto, di far spurgare i veleni della contesa elettorale, e poi di rimboccarsi le maniche. Occorre archiviare al più presto queste elezioni, che hanno condizionato la partenza del governo Renzi e lo hanno costretto alla battaglia con Grillo sul terreno del populismo, e cambiare registro. Per esempio, sarebbe bello se a urne chiuse da palazzo Chigi non arrivassero valutazioni sul voto, ma il lancio di un programma che, pur senza essere “lacrime e sangue”, non sia un libro dei sogni. Partire dalla constatazione che la ripresa non c’è e che, a parità di politiche, non ci sarà, non è un’ammissione di colpa ma il segno di un’assunzione di responsabilità di chi mostra di avere la capacità di parlar chiaro al Paese – basta con le luci in fondo al tunnel – e di indicare un programma ben più incisivo di quello un po’ troppo elettorale fin qui descritto.
Archivio News

2020

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale