News
LA PARTITA DELL'ECONOMIA !

La rottura dentro Sel, con la fuoriuscita di un gruppo destinato a costituirsi come “sinistra renzista”, è un passaggio della nostra vita politica molto più significativo di quanto non possa far pensare la scissione di SEL e più in generale tutto ciò che sta oltre il Pd. È importante perché questa attrazione di una parte della sinistra antagonista verso Renzi avviene proprio mentre il segretario del Pd costringe il suo partito ad accettare una virata su posizioni “blairiane” nell’intento, riuscitogli alle elezioni europee più di quanto lui stesso non sperasse, di intercettare il consenso degli italiani moderati, fin qui elettori del centro o addirittura della destra. È vero che nel perseguire questo obiettivo Renzi usa a profusione il populismo, e questo aiuta a tenere insieme gli opposti. Tuttavia, acchiappare il buon Migliore e compagni di SEL proprio all’indomani del 41% raggiunto con i voti ex montiani ed ex berlusconiani, non è cosa di poco conto. Il che gli attribuisce un merito ma gli affibbia anche una pesante responsabilità. Perché tutto questo svuota di significato politico e di peso contrattuale le opposizioni caricandogli sulle spalle il peso del residuo di credibilità che gli italiani annettono alla politica e alle istituzioni.

Ecco, questo è il vero snodo: Renzi ha riacceso la speranza, ha riavviato il motore della fiducia, ma nel farlo ha creato le condizioni per giocare la partita da solo. Difficile dire se si sia trattato di una scelta o solo di un’involontaria conseguenza, ma è così. E ora, deve saper rispondere a cotanta aspettativa. Cosa significa? Che se finora ha fatto la partita usando la tattica del lanciare la palla in avanti, continuamente, senza mai fermarsi adesso deve cambiare passo e fare qualche goal. Anzi, deve segnare reti pesanti, che facciano davvero risultato e non siano solo illusioni ottiche. Prima di tutto sul terreno dell’economia. E poi nel campo delle riforme istituzionali, senza le quali anche le azioni relative all’economia rischiano di avere corto respiro.

Il fatto è, però, che Renzi per rimettere in moto la speranza e la fiducia ha dovuto far ricorso ad un’arma pericolosa: l’ottimismo fuori misura. Ha raccontato che la crisi è finita e che le mosse del governo fatte fin qui sono le premesse per riavviare la ripresa. Ma siccome non è così, purtroppo, ora deve rapidamente rendersi conto di aver impugnato il coltello dalla parte della lama. E provvedere a cambiare verso. Per esempio, per restare all’economia, è il momento di decidere se vogliamo continuare a credere e far credere che questa sia una crisi solo dal lato della domanda, per cui la ripresa possa essere generata prevalentemente da un aumento dei consumi, o se invece prendiamo finalmente atto che il nodo più grave da sciogliere è quello dell’offerta e quindi, prima di tutto si mette mano ad un grande piano di investimenti, pubblici e privati. Nel primo caso, non ci resta che continuare con la politica degli “80 euro” – efficace nel brevissimo e comprensibile in clima elettorale, ma priva di respiro strategico – nel secondo, sarà opportuno che dalle parti di palazzo Chigi si attrezzino a capire che a fronte di una situazione straordinaria occorre attivare strumenti altrettanto straordinari. In particolare, va colto il suggerimento che per realizzare quelle “innovazioni rivoluzionarie”, ci vogliano politiche pubbliche – risorse e progetti industriali – che altrimenti il mercato da solo non è in grado di innescare.

Quindi sono subito necessari investimenti, investimenti, investimenti. Solo quelli, non altro, ci possono consentire di uscire dal declino. E sono proprio la benzina che è mancata all’Italia, che in Europa dal 2007 ad oggi è seconda solo alla Spagna per l’entità della caduta degli investimenti (per capirci, circa il doppio della caduta dei consumi privati). Possiamo discutere dove trovare le risorse – ma oggi la liquidità non è più un problema – e quale dosaggio occorra tra investimenti pubblici e privati, ma non si può negare che il nodo vero sia questo. Molto può e deve fare l’Europa. Ma in attesa che Bruxelles riconosca l’esigenza di affiancare al patto fiscale un pacchetto di misure per ridare slancio all'economia, bisogna cominciare a far da soli. È qui che Renzi deve dimostrare di saper fare goal.

 

Addì, 21 giugno 2014

 

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale