News
SE CI SEI BATTI UN COLPO!

E pensare che i temi da affrontare in Regione non sono pochi e pure di rilevante importanza sia per l'economia che per la potestà autonoma e speciale, a rischio di de-potenziamento a seguito della prossima modifica del titolo V dello Statuto.
Ciò nonostante, sembra che per il governo regionale non ci siano problemi di sorta: di Autovie Venete non se ne parla più, del porto di Trieste nemmeno, su Friulia tutto tace e nulla si dice di FVG Strade spa. Eppure non si può non considerare preoccupante lo stato attuale in cui versa la costruzione delle terza corsia.
Pur considerando l'avvenuta rimodulazione del piano finanziario ora all'esame dell'Anas e del Ministero competente, non è possibile sottacere il forte rallentamento delle procedure stante il blocco della trattativa con le banche per ottenere il finanziamento indispensabile per proseguire i lavori.
Come pure è preoccupante il fatto che Autovie molto confidi nella proroga fino al 2025 della concessione in scadenza nel 2017, nonostante la consapevolezza che difficilmente potrà essere concessa stante i divieti posti dalla UE.
Non ultima la grave situazione venutasi a creare a seguito del decreto commissariale con il quale si revoca l'appalto all'impresa che stava realizzando il terzo lotto della terza corsia. Insomma, una situazione esplosiva che potrebbe compromettere profondamente la prosecuzione dell'opera causando maggiori oneri finanziari non più compatibili con le capacità economiche di Autovie Venete, salvo un consistente intervento da parte dello Stato sul quale però non c'è molto da confidare.
Anche Friulia spa, la finanziaria che in questo momento di crisi economica dovrebbe sostenere le imprese regionali, non gode di buona salute. Da più parti si vocifera che le sue casse languono perché le risorse finanziarie scarseggiano, al punto da mettere in forse anche l'assolvimento delle spese di funzionamento.
Molti confidavano sulla capacità della nuova governance di Friulia la quale invece non ha fino ad ora dimostrato di avere formule salvifiche capaci di farla uscire dalle secche in cui si trova. Fatto sta che le aziende della Regione non possono confidare in una politica di appoggio alle loro esigenze industriali.
Ma anche il Porto di Trieste, importante per le strategie economiche della Regione, non riesce a svolgere appieno il suo ruolo perché si pensa più al duello sulla futura presidenza (pare ci siano forti pressioni per mandar via l'attuale Presidente Monassi e mettere una persona di fiducia della Presidente della Regione che potrebbe essere Pacorini (qualcuno dice Antonione) che a un piano di rilancio. E, infine, la situazione di Strade FVG che segna un forte rallentamento nell'attuazione del piano triennale delle opere di ammodernamento delle strade regionali, pensando più alle questioni del personale da includere o meno nell'organico di Autovie Venete.
Ma nonostante la grave situazione economica continui a incombere anche nel nostro territorio e che non ci sia impresa o azienda che non denunci il bisogno di nuove politiche industriali, in Regione vige il più assoluto silenzio quasi come se nulla stesse accadendo.
Ci mancherebbe soltanto che venisse de-potenziata o peggio tolta la specialità e l'autonomia della Regione per perdere possibilità di svolgere politiche di qualsiasi portata nell'interesse della nostra comunità. Speriamo che l'apatia a cui stiamo assistendo possa far ritrovare alla politica quel colpo d'ala capace di farci uscire dall'angolo in cui ci è cacciata.
Questo vale innanzitutto per chi governa la Regione ma anche per l'opposizione che ha il dovere di farsi sentire!

 

Addì, 31 luglio 2014

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale