News
Un voto che preoccupa

Questa tornata elettorale è stata un disastro! Bisogna avere il coraggio di dirlo. Sarà stata pur limitata nelle dimensioni ma rappresenta un inequivocabile segnale di una tendenza della popolazione italiana che deve far riflettere in modo approfondito.

È necessario rifuggire dalle banalità scontate: disagio, mancanza di leadership, preoccupazioni, ma bisogna confrontare questo dato con quelli delle tornate precedenti. Non siamo di fronte a singoli episodi isolati ma ad una deriva ben precisa che descrive lo stato di salute di una società in crisi strutturale, senza visioni valoriali, senza punti di riferimento, svuotata di contenuti che non siano la paura di perdere qualcosa e, soprattutto, senza voglia o capacità di reagire. Se non si approfondiscono queste situazioni si continuerà a ritenere i singoli episodi, in questo caso le performance elettorali, come dati assoluti su cui innescare visioni di tendenze consolidate.

Si potrebbe pensare, ad esempio, che la Lega stia consolidandosi sul 20% dell’elettorato, o che il PD valga quel 40% che il Premier ha sbandierato a lungo in tutte le sedi per giustificare la sua tendenza al potere assoluto. Non è così, si è semplicemente di fronte ad una popolazione in preda ad una crisi di orientamento quasi disperata. Deluso dall’esperienza del centro destra, preoccupato dall’incapacità di affrontare i problemi del Paese, ha pensato di trovare nel decisionismo di Renzi una possibilità. Ma se il Premier è convinto che sia un orientamento acquisito fa un grande errore .

In termini di consenso questa infatuazione si sta già involvendo minata dai proclami, dalle enfasi sulle donne e sui giovani, dalla incapacità di far seguire agli atteggiamenti risoluti un risultato percepibile concretamente. Errori d’analisi: non è che la presenza graziosa femminile dia consenso in ogni caso, e il fastidio verso l’età dei politici o dei manager non è un fatto anagrafico ma di mancanza di doti e professionalità. Sostituendoli con giovani e donne, carine ma poco capaci, ottieni un consenso immediato seguito da una delusione che diventa sempre più rabbiosa per l’accumulo di frustrazione e di cui fa paura pensare l’evoluzione.

Lo stesso vale per la Lega: il segretario Salvini intelligentemente ha cambiato registro ma non è vero che parla alla pancia della gente impaurita, semplicemente dice cose di buon senso che rappresentano per il cittadino una possibilità nella disperata ricerca di un senso elettorale. Nulla oggi può essere considerato consolidato. Tra l’altro con il tasso di astensionismo attuale il 50% dei voti vale il 20% della base elettorale.

Con questi dati, in una società che deve intraprendere un percorso di ridimensionamento della spesa, come può pensare di affidarsi ad un sistema politico che si basa esclusivamente sul consenso a breve termine guidato dai sondaggi? E’ impossibile. Sarebbe percorribile solo in presenza di sentimenti solidi abbinati a obiettivi, prospettive, valori quali quelli che hanno guidato l'Italia nella ricostruzione post bellica e nello sviluppo degli anni 60. Questi risultati sono il segnale di una profonda crisi del nostro sistema sociale, di una democrazia burocratizzata i cui valori di riferimento sono solo emotività mediatiche e in cui si è persa la memoria delle ideologie o del pensiero politico che davano energia e orientavano la voglia di impegno, di fare, di reagire.

 

 

Addì, 28 novembre 2014

 

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale