News
Il piano Junker, tanto fumo e niente arrosto

La montagna ha partorito un topolino piccolo piccolo. Dopo tanto clamore, il piano straordinario di investimenti lanciato da Junker, a cui erano state attribuite doti magiche per il rilancio dell’economia europea, si è rivelato un progetto aleatorio e incerto le cui dimensioni, nella migliore delle ipotesi, sarebbero appena sufficienti per l’Italia. Infatti, il Fondo per gli investimenti strategici, con cui il lussemburghese si è aperto la strada verso il vertice della Commissione, è di 315 miliardi solo negli annunci.

Nella sua ufficialità, invece, mette a disposizione 21 miliardi effettivi in tre anni, di cui, tra l’altro, 5 verrebbero dalla Bei e 16 da garanzie Ue (pari a meno di 1 miliardo per ogni Paese dell'euro zona). Bisogna compiere il classico atto di fede per credere, come sostiene la Commissione, che la somma iniziale possa essere moltiplicata per 15 con la leva finanziaria. Comunque, anche nella fantasiosa ipotesi che si arrivasse a 315 miliardi in tre anni si tratterebbe pur sempre di circa l’1% del pil dell'euro zona, lo 0,33% ogni 12 mesi. Bricioline. Non certo sufficienti ad aprire il “nuovo corso” dell’economia europea annunciato da Junker al momento del suo insediamento. Inoltre, c’è anche il rischio che l’iniziativa arrivi in clamoroso ritardo perché il “pacchetto Junker” entrerà in vigore solo a 2015 inoltrato. Si aggiunga l’ulteriore tempo necessario per aprire i cantieri, che peraltro non si sa quali debbano essere, e si capisce come l’operazione sia destinata a lasciare il tempo che trova.

La stessa Italia ci è cascata in pieno, presentando inizialmente 2.200 progetti per 87 miliardi, che poi il governo ha più che dimezzato (nell’importo, non nel numero dei progetti).

Di fronte ad un piano tanto ballerino, l’Italia ha il dovere di sfruttare gli ultimi giorni della presidenza di turno dell’Unione quantomeno per riempire i buchi del progetto, perché i cofinanziamenti nazionali vengano esclusi dal calcolo del deficit e per far sì che nessun veto locale possa bloccare opere finanziate a livello europeo. Ma, con gli investimenti scesi in Europa del 15% dal 2007 (-430 miliardi) e del 32% in Italia (dai 64 miliardi del 2008 ai 43,7 del 2013), la soluzione definitiva è un’integrazione politica e istituzionale senza la quale è impossibile lanciare gli eurobond.

 

Addì, 03 dicembre 2014

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale