News
Si aprono le danze per il Colle

È ormai chiaro come la nomina del successore di Giorgio Napolitano sia diventato un passaggio politico straordinario che supera il ruolo del Quirinale. Le lacerazioni che si sono già prodotte sia nel Pd sia dentro Forza Italia e la guerra che si può scatenare nel segreto dell’urna, sono elementi destinati a rendere questo passaggio deflagrante. In mezzo c’è Renzi e il suo governo che affrontano una partita priva di pareggio. 
Se le cose vanno in un certo modo, Renzi vince gioco, partita e incontro, altrimenti perde senza possibilità di rivincita. E tutto dipende non solo dal candidato Presidente, ma dalle dinamiche interne ai due contraenti del “patto del Nazareno”. 
Quando ci sarà l’elezione del nuovo Capo dello Stato si saprà se Renzi avrà vinto o perso tutto, ma a rivelarlo non sarà il nome del prescelto, ma il come si sarà arrivati a fare quella scelta. Per esempio, si sceglierà la strada del grande accordo? E allora sarà da realizzare nelle prime tre votazioni. Si opterà per il consolidamento del patto del Nazareno, sperando di non perdere troppi pezzi per strada? Se la quadra non si trova già alla quarta votazione, il rischio è che cominci un ballo che nessuno saprà più come fermare. Nel primo come nel secondo caso si chiuderebbe la stagione di supplenza del Quirinale, ma ciò significherebbe che la guida politica del Paese torna in toto ai partiti e al Parlamento. 
Nel caso che, invece, il Parlamento si dovesse avventurare alla carneficina, allora finirebbe la stagione della supplenza del Colle e si aprirebbe quella della supplenza della troika, con una sola possibile mediazione, quella di Draghi, che proprio in queste ore ha ulteriormente arrotondato il suo già altissimo peso specifico e che anche per questo potrebbe rivelarsi davvero salvifico. 
Primo scenario. Il lavoro è immane. Perché la nomina del nuovo Presidente – tanto nell’ipotesi dei primi tre scrutini quanto in quella del quarto o quinto – è solo il primo tassello di un puzzle che deve prevedere un nuovo e funzionale assetto istituzionale, un nuovo e stabile equilibrio politico e, forse, anche un riassetto delle forze politiche in campo, a cominciare dal Pd. Le cose più probabili che possono accadere? La scissione del Pd e la creazione di una nuova maggioranza di governo, con l’ingresso dei berlusconiani nell’esecutivo. 
Solo che rispetto al governo Letta, la configurazione politica non potrà più essere quella delle “larghe intese”, bensì di un alleanza organica che inevitabilmente passa per una rottura definitiva dentro il Pd e la conseguente fuoriuscita dell’ala sinistra e una riaggregazione del centro e del centro-destra (è facile prevedere che a star fuori sarà solo la Lega di Salvini). 
Insomma, da questo esito di partita Renzi esce vincitore, ma sarà comunque costretto a ridisegnare non solo la mappa della politica e delle istituzioni, ma anche a dare sbocco a quella delle forze politiche, la sua in primis. Un passaggio sarebbe quello di un Renzi-bis, con un probabile sbocco elettorale solo quando tutte le bocce fossero ferme. Secondo scenario, quello che trita via via i candidati e allunga il brodo delle votazioni nel qual caso una cosa sarebbe certa: Renzi ne uscirebbe perdente più di chiunque altro. Una situazione di caos come quella dell’ultima volta, quando poi si chiese a Napolitano il bis, sarebbe infatti messa sul suo conto, e come segretario del partito di maggioranza e come capo del governo in questo modo aprendo scenari imprevedibili. 
Vada come vada, è comunque ormai tramontata la fase del “Renzi senza alternativa”. Perché o Renzi vince, consolida il suo potere e trova nel “governo del Nazareno” una stabilità che non si regge più solo sul fatto che un altro non si trova, o Renzi perde, e allora un’alternativa, bella o brutta che sia, andrà comunque trovata. Nel primo caso non resta che sperare che questo passaggio significhi passare dal Renzi uomo di potere al Renzi uomo di governo, insomma da leader a statista. Nel secondo caso non resta che sperare in Draghi. 
 

 

Addì, 24 gennaio 2015

 

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale