News
Poveri Noi

I politici della Prima Repubblica si erano molto prodigati per far crescere il territorio pordenonese intentando una battaglia per diventare Provincia. Un impegno condiviso da tutta la comunità che si è' attivata riuscendo a raggiungere un elevato tasso di sviluppo economico, sociale e culturale. 
Pordenone e la sua provincia diventarono parte importante della Regione Friuli Venezia Giulia, primeggiando nel comparto economico e producendo il maggiore PIL di tutta la Regione. Ai giorni nostri le condizioni economiche e sociali sono profondamente cambiate causa anche la crisi internazionale. 
Di conseguenza, tenuto conto dell'elevato debito pubblico nazionale e di una eccessiva burocratizzazione, si è reso necessario rivedere l'assetto strutturale della società nel suo complesso. La politica è venuta meno nella capacità e competenza di ideare  nuovi scenari alla luce delle minori disponibilità economico-finanziarie, determinando una grave incertezza per il futuro. E qui si inserisce il problema che vive la nostra provincia, depauperata da molti dei suoi servizi destinati allo sviluppo economico, sociale e culturale dei cittadini. 
Si registrano infatti preoccupanti problemi al comparto della sanità, delle politiche sociali, dell'istruzione e della ricerca senza considerare l'irreversibile svuotamento del comparto produttivo che continua a chiudere i battenti. Quindi un impoverimento generale che dovrebbe vedere tutti i rappresentanti della politica uniti nel difendere le legittime aspettative dei  cittadini respingendo l'attacco in atto che ha lo scopo evidente di cancellare tante conquiste raggiunte nei decenni trascorsi. 
Invece,  da un lato si assiste ad uno stupido conflitto tra le diverse parti politiche e dall'altro alla incapacità di chi oggi detiene il potere nel governo regionale. D'altra parte, non ci si può aspettare di più,  considerato che ha un nome ben preciso chi ha ritardato di quasi un decennio la costruzione del nuovo ospedale di Pordenone e voluto una politica sanitaria che ha penalizzato gli interessi dei cittadini. 
La supponenza, la superficialità che oggi va di moda e a volte l'arroganza politica di chi avrebbe dovuto assumere posizioni lungimiranti ed equilibrate, non potevano far altro che arrivare alla deplorevole situazione odierna. 
Il risultato è che fra non molto non ci sarà più la prefettura, la questura diventerà un commissariato, sparirà l'università, il CRO di Aviano perderà la sua funzione di Istituto di ricerca scientifica e continuerà ad essere svuotato di servizi per essere trasferiti all'ospedale di Udine. 
L'augurio è che con un repentino colpo d'ala si prenda consapevolezza che l'unico modo per salvare le nostre prerogative è che le istituzioni locali facciano quadrato, nel tentativo di salvare il salvabile, pur prendendo atto che oramai buona parte delle conquiste del passato sono già perdute.

 

Addì, 13 Febbraio 2015

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale