News
NE VEDREMO ANCORA DELLE BELLE

I mesi scorrono rapidamente e, sempre più, si avvicina la scadenza della concessione relativa alla gestione dell'A4 affidata ad Autovie Venete. Che se ne parli da molto, sia da parte della Regione FVG, sia del Governo nazionale che ha aperto una interlocuzione con la Unione Europea per ottenere una proroga, è un fatto incontestabile.
Qualora la concessione venisse messa a gara pubblica, il rischio che Autovie Venete non riesca a riottenerla è altissimo perché dovrebbe competere con concorrenti europei molto forti, quanto agguerriti. Ed è questa una ragione per cui Regione e Governo romano tentano, disperatamente, di percorrere la strada per avere la proroga della concessione, costi quel che costi!
Singolare è ciò che sta succedendo in certe stanze dei bottoni. Parrebbe ci fosse un (maldestro) tentativo di mettere mano all'attuale assetto societario di Autovie Venete che è rappresentato anche da soci privati, per trasformarlo in “house” (totalmente pubblico) per ottenere la proroga della gestione autostradale dell'A4 senza che la UE frapponga ostacoli di alcun genere.
Se ciò fosse vero, allora bisognerebbe preoccuparsi perché si realizzerebbero condizioni davvero “capestro” sia per Autovie Venete spa, quanto per Friulia spa e, di conseguenza, per la Regione, azionista di maggioranza in entrambe le società. Eh sì, perché la conseguenza sarebbe che Friulia spa potrebbe fallire con oltretutto la Regione costretta a sborsare una smisurata quantità di denari per liquidare i soci privati sia di Friulia sia di Autovie.
Poiché è risaputo che in Friulia spa il sistema bancario, che fa parte del suo assetto societario, ha versato ben cento e venti milioni di euro e Autovie Venete deve liquidare un importante socio privato con l'esborso di un'altra vagonata di milioni di euro. Se tale dissennata strategia fosse davvero perseguita dalla Regione e dal Governo nazionale, è logico che il risultato sarebbe segnato da un notevole “bagno di sangue” che senza ombra di dubbio depaupererebbe una parte rilevante del patrimonio pubblico regionale.
A tutto questo si aggiungerebbe il grande problema riguardante i dipendenti delle due società il cui numero è alquanto rilevante, provocando una crisi industriale di notevoli dimensioni. Speriamo prevalga il buon senso e, finalmente, ci sia da parte del governo regionale la volontà e l'impegno di predisporre un serio piano strategico per il futuro delle due più importanti partecipate anche nel caso in cui la concessione autostradale dovesse essere assoggettata a gara pubblica.
E, a tal proposito, il bando dovrebbe essere pronto già nel 2015 e quindi si saprà realmente cosa accadrà, ma la sensazione è che si vada realmente verso la gara pubblica. Quindi c'è da augurarsi che la Regione si muova attivamente con un preciso piano strategico politico e industriale per affrontare in tempo la soluzione di un problema sempre più difficile.
Diversamente, ne vedremo ancora delle belle!

 

 

Addì, 07 aprile 2015

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale