News
LA SVOLTA ECONOMICA NON SI VERDE

Ed ecco a voi il “tesoretto”. Quando si avvicinano le elezioni spunta sempre una riserva di risorse che il governo di turno usa per incrementare la già pesante spesa pubblica, per finalità che si definiscono sociali ma che in realtà sono elettorali. Anche il Governo Renzi non si è sottratto all’antica abitudine, e alla vigilia delle regionali ha sventolato sotto il naso degli elettori un miliardo e mezzo da spendere “a fin di bene”. 
Soldi che emergono dalle cifre del documento di programmazione economica che, da sempre, è il libro delle buone intenzioni dei governi, varato venerdì sera da Renzi. Quelle risorse, che si dice diventeranno 6,5 miliardi l’anno prossimo, non sono altro che il margine che il governo intende tenersi tra il deficit reale 2,5% del pil e quello programmato 2,6%, sempre che la previsione di crescita venga poi rispettata. 
L’Europa ci ha infatti concesso di stare un pochettino più larghi nel deficit corrente (in cambio della promessa di riforme strutturali e ponendo comunque il vincolo che eventuali “buchi” verranno coperti nel 2016 con ben 16 miliardi di tasse in più) e noi ci prendiamo tutto il margine. E lo 0,1% del pil fa appunto 1,5 miliardi. Renzi non ha specificato come saranno spesi ma ha fatto trapelare dai suoi che a beneficiarne sarà il welfare, e segnatamente qualche voce di spesa sociale a favore dei “nuovi poveri”. È facile scommettere che tutta l’attenzione sarà rivolta a questo benedetto “tesoretto”. 
Si disquisirà se i soldi ci sono davvero o meno, se è opportuno usarli per aumentare la fascia dei beneficiari degli 80 euro visto che non hanno prodotto un centesimo in più di consumi e quindi non sono serviti a spingere la ripresa, oppure ci si lamenterà che quanto concesso ai poveri è poca cosa e che bisognerebbe fare molto di più. È preferibile andare a guardare quanto è successo fin qui alla nostra economia e cercare di capire cosa potrà accadere da oggi in avanti. 
Insomma, è meglio analizzare la politica economica nel suo insieme, per i risultati che ha dato e per quelli che potrà dare. Per farlo non servono i numeri del Def, ma quelli della congiuntura. I quali dicono che dopo sette anni di recessione in cui abbiamo perso oltre 10 punti di ricchezza nazionale, abbiamo bruciato un quarto della produzione industriale e abbiamo seppellito il 15% del nostro manifatturiero ora è in atto una ripresa, ma che essa è labile, a macchia di leopardo e tutta appoggiata alle sole esportazioni, tanto da restare lontana da quella media europea. 
Ora, il fatto che si stimi una crescita dello 0,7% nel 2015 e del doppio nei tre anni successivi ci dice come, bene che vada, prima del 2022 non sarà recuperato quanto perso nella lunga stagione recessiva. Troppo, per disincagliare il Paese dal declino in cui è finito. Si dice che la stima inserita nel Def è prudente, e che in realtà la nostra ricchezza potrebbe aumentare del 2% l’anno. A parte che anche in questo caso ci vorrebbero cinque anni per tornare ai livelli del 2007, certo, è vero, potremmo crescere di due punti all’anno. Anche di tre, considerato che mai ci sono state, come ora, condizioni congiunturali così favorevoli: euro, tassi e petrolio bassi, liquidità senza limiti. 
Quindi non solo potremmo, ma dovremmo. Eppure non sta succedendo e, senza interventi forti, non succederà. Perché anche il governo Renzi ha di fatto adottato una politica che non va al cuore dei problemi lasciati in eredità dagli esecutivi che si sono succeduti. Carico fiscale complessivo eccessivamente alto: Renzi dice che le tasse non aumenteranno ma non basta, serve ridurle drasticamente. 
Spesa pubblica abnorme, non solo per quantità ma soprattutto per composizione (tutta corrente e improduttiva, nulla in conto capitale per investimenti): Renzi dice che sarà tagliata, ma intanto un anno se n’è andato senza che sia stato fatto. Finanza pubblica ancora zavorrata dal debito: Renzi nel Def scrive che da qui al 2018 l’indebitamento scenderà di nove punti rispetto al pil, ma ammesso che sia vero, comunque non è sufficiente. 
Servono scelte più radicali. Serve un piano di abbattimento del debito sotto il 100% del pil, una riduzione forte del carico fiscale per le imprese e un piano di investimenti, pubblici e non. Servono cioè 600-700 miliardi. E un progetto Paese in testa. Impossibile? No. O meglio, paradossalmente i soldi si possono anche trovare, tra patrimonio pubblico da monetizzare, spesa corrente da tagliare e capitali internazionali da intercettare. Sono le idee su che Paese si vuole costruire su cui nutriamo seri dubbi, visto il tasso di populismo che inquina l’interrelazione tra sistema politico, media, mondo culturale e opinione pubblica. 

 

Addì, 11 aprile 2015

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale