News
DESTINATI A NON INCONTRARSI

Non si sa come andrà a finire lo scontro in atto dentro il Pd. Si potrebbe anche dire che poco importa, se non fosse che le questioni in ballo sono decisive ai fini del funzionamento, o meno, del sistema Paese. Renzi e Bersani hanno torto ad entrambi. Il presidente del consiglio ha sfornato due riforme, quella del Senato e quella elettorale, che sono una cattiva risposta a domande di governabilità più che fondate. L’ex segretario del Pd su questi temi ha due torti di non piccolo conto: è arrivato tardi, dando la sensazione che si tratti di una battaglia di potere più che di un confronto costruttivo; non è portatore di una proposta alternativa, magari che riprenda le migliori esperienze europee, ma solo di pezze da mettere all’impianto delle riforme renziane.

Non è difendendo genericamente il parlamentarismo che si può conquistare il consenso degli italiani che hanno solo due cose chiare in testa: che l’Italia ha bisogno di un sistema istituzionale capace di produrre decisioni in modo rapido e ordinato e che quello sperimentato non ha funzionato. Semmai il tema è quello di avere maggiore governabilità in un contesto di pesi e contrappesi che rendano equilibrato e funzionale il rapporto tra parlamento e governo. Sapendo che il consenso popolare non può essere surrogato da premialità che possono anche assegnare a tavolino maggioranze parlamentari forti, ma che inevitabilmente sono destinate a rivelarsi politicamente deboli proprio perché non sufficientemente rappresentative. E che, dunque, le coalizioni sono il sale e non il veleno della democrazia, come erroneamente si tende a far credere anche perché altrimenti sono i partiti a diventare essi stessi coalizioni.

Bersani, che è uomo saggio e navigato, tutte queste cose le sa. E per questo manda segnali a Renzi. E Renzi, che è uomo furbo e svelto, ha colto mandando a sua volta segnali di disponibilità sulla questione del Senato. Tattica. Perché Renzi non può allearsi con chi ha dovuto rottamare per conquistare i voti dei moderati (senza i quali non va da nessuna parte) e Bersani non può favorire il disegno di Renzi di creare le condizioni per andare al voto anticipato potendo dare la colpa ai vecchi ex comunisti. In realtà i due sono prigionieri di uno schema di gioco che non lascia loro margini che finirà per penalizzarli entrambi, a prescindere da chi sarà il vincitore di questa contesa. Perché agli occhi degli italiani, che sono indotti a pensare che sia sul terreno dell’economia che vada giudicata la politica, e il governo in particolare, queste continueranno ad apparire pure schermaglie politiche. Tra l’ennesimo ping pong sulla legge elettorale cosi detta Italicum, la notizia che il Fondo Monetario ci assegna solo mezzo punto di crescita del pil per quest’anno e la notizia che il debito pubblico ha stabilito il nuovo record storico di 2.169,2 miliardi, si capisce con chiarezza a cosa danno peso gli italiani, in particolare quelli che producono ricchezza per sé e per gli altri. 

Forse sarebbe bene che entrambi gli uomini forti del Pd riflettessero su questa osservazione che non ha nulla di populista perché è chiarissima l’importanza strategica delle riforme di sistema, ma non sfugge nemmeno come la fiducia o la sfiducia del Paese nei propri mezzi per uscire dal declino, stia molto più collocata sul fronte dell’economia.


Addì, 18 aprile 2015

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale