News
Il conto lo paga Renzi

Sono molti quelli che devono piangere se stessi per l’imbarazzante e desolante vicenda di Roma Capitale. Marino è il frutto avvelenato che riesce nel difficile intento di risultare peggiore del peggiore dei sindaci di Roma. Poi Marino si dimette con riserva già determinato (solo quei fessi del Pd non l’avevano capito) a tornare sui suoi passi non per rimanere sullo scranno più alto del Campidoglio, ma per cercare la verifica e farsi silurare platealmente, addossando la colpa al suo partito e creare i presupposti per un suo ritorno sulla scena. A metterci rimedio non sarà facile. Speriamo che la nomina a commissario, assicuri una transizione ordinata e che le elezioni si svolgano il prima possibile.


Ma pianga se stesso il Pd, quello romano e la segreteria nazionale. Credevano che il sindaco in bicicletta fosse un dilettante allo sbaraglio, usa e getta. E invece i dilettanti, anzi i pivelli, si sono dimostrati coloro che hanno gestito questa vicenda, trascinandola oltre ogni limite di sopportazione, non avendo inteso che ai romani erano bastate poche settimane per capire di aver fatto una sciocchezza a eleggerlo primo cittadino. Certo, la nomenklatura romana capitanata da Orfini, ha dimostrato che non basta essere quarantenni per incarnare la vera discontinuità. Ma anche Renzi, che ha avuto il torto di sostenere Marino quando invece, mettendolo subito al tappeto, avrebbe potuto persino aumentare il suo bottino di consensi, non ha dato prova di tutta quella scaltrezza che gli viene accreditata. Ora lamenta che le primarie non siano lo strumento adatto a selezionare i quadri dirigenti e a trovare i candidati giusti, ma i congressi non si tengono. Un sistema che Renzi non solo non governa, ma che prima o poi rischia di rivoltarsi anche contro di lui e la sua squadra. Bisognava offrire la testa di Marino ai romani visto e considerato che non era stato certo Renzi a volerlo in Campidoglio. Ma è noto che il giovanotto, non ascolta nessuno, e quando ti azzardi a usare la ragion critica, ti bolla subito come un gufaccio disfattista. Peggio per lui.


Si dirà che Renzi vuole smontare il Pd, per costruire il “partito della Nazione”. Probabilissimo. I Democratici sono nati male e proseguiti peggio, e comunque non sono stati la risposta che il bipolarismo malato, prima, e la sua crisi, dopo, richiedevano. Ma il nuovo soggetto politico non può nascere solo sulle ceneri del Pd, non può essere espressione di una persona. Il merito di aver fatto cadere molti tabù a Renzi gli va senz’altro riconosciuto. Ma la fase della rottamazione è durata fin troppo, ed è tempo che tanto il leader politico quanto il capo del governo si faccia misurare su quella della costruzione. Basta con gli slogan. Altrimenti ci sarà sempre un pifferaio dell’anti-casta e dell’anti-politica capace di far leva sul giramento di scatole degli italiani.


Addì, 31 ottobre 2015

Archivio News

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale