News
Un politico guarda alle prossime elezioni. Uno Statista guarda alla prossima generazione (A. De Gasperi)

Per l'Italia il bilancio di fine anno è magro. Il 2015 si avvia a chiudersi ben diversamente da come qualcuno raccontava. La ripresa economica ha perso slancio. Non c’è da essere allegri se chiudiamo l’anno con un più zero virgola. Che poi sia 0,7 o 0,8 poco importa perché è comunque troppo poco considerato che questo risultato è conseguito in un quadro congiunturale mai così favorevole: liquidità, tassi a zero, petrolio a prezzi stracciati, cambio che favorisce le esportazioni. Senza questi “aiutini” esterni, si sarebbe ancora in recessione. Altro che “l’Italia è ripartita”!

Quanto alla politica, la spinta propulsiva del governo Renzi sembra essere esaurita. E questo perché la curva discendente è dovuta al fatto che il Paese non ha riacquisito quella fiducia che andava cercando e che per un momento si era illuso di poter ritrovare. Anzi, aumenta il numero di italiani stanchi di sentirsi raccontare che le cose vanno bene.

Tuttavia, sarebbe sbagliato vedere solo la parte vuota del bicchiere. Alcune cose sono accadute, e il 2015 è archiviabile come significativamente diverso dal 2008 o dal 2011. Ma, soprattutto, oggi ci sono le condizioni per imprimere velocità al cambiamento e indirizzarlo nella direzione giusta. A una condizione, però: che chi guida il Paese faccia un salto di qualità, che si disponga verso una maturità politica che gli tolga di dosso il vestito stretto della “inevitabilità” e gli faccia indossare quello della “scelta”. 

Perché ciò accada, la prima cosa da fare è dismettere quella fastidiosa supponenza nel presentare il proprio lavoro. Per capirci: siamo sicuri che nelle condizioni date non sarebbe comunque stato possibile ottenere un risultato significativamente diverso da quello ottenuto, tuttavia, è un errore e irritante, averlo fatto credere. Invece si è preferito usare con disinvoltura l’effetto annuncio e bollare tutti come gufi coloro che obiettavano.

La seconda cosa da fare è di chiudere in modo anche formale, la stagione della cosiddetta “rottamazione”. Renzi fin qui ha applicato la politica della disintermediazione a tutti i costi. Scelta comprensibile e per molti versi necessaria, ma che per sua natura non può che essere a tempo, poi occorre favorire nuovi momenti e luoghi di aggregazione degli interessi, senza pretendere di esserne in modo diretto ed esclusivo l’unico punto di riferimento. Rompere vecchie incrostazioni non significa disconoscere il valore delle alleanze, e uno statista da un politichetto si distingue anche per la capacità di tessere aggregazioni e costruire sodalizi in modo non strumentale.

L'ultima cosa da fare é conseguente alle prime due: predisporre un programma meno episodico, tanto sul fronte delle questioni interne quanto su quello del posizionamento dell’Italia nelle vicende internazionali, europee e non. 

Renzi, dieci anni fa ormai, ha scritto un libro dal titolo: “Tra De Gasperi e gli U2”. Ecco, è più che sufficiente studiare e copiare il primo, quello che lo stesso Renzi, appena trentenne, considerava già un punto di partenza e lasciarsi ispirare dalla filosofia degli U2. Sarebbe di per sé, già un successo. Vedrà, il presidente del Consiglio, che così diventerà il prescelto, e non l’unica scelta.

 

 

Addì, 20 dicembre 2015


 

Archivio News

2019

2018

2017

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2016

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2015

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2014

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

LA CRISI CONTINUA ! Sperando che qualche onorevole risponda! Il gruppo svedese non può fare ciò che vuole! L'ELECTROLUX NON DEVE CHIUDERE! Terza corsia come nel gioco dell'oca! Subito la riforma per salvare la sanità! Politica industriale regionale inadeguata! E SE LA RIFORMA RENZI-BERLUSCONI NON PASSA AL SENATO? Ferriera a rischio chiusura Franceschini non s'ha da rottamare! Stop alla realizzazione della terza corsia! A ELECTROLUX NON SERVONO STERILI BARUFFE! Regione FVG: iniziate le svendite! Garantire futuro alle Latterie friulane! PER IL CORRIDOIO SEI SOLO INDECISIONE! IL NUOVO CORSO RENZIANO SCEGLIE IL PEGGIO DEL PEGGIO! Regione scarica barile! Quattro proposte per dare risposta alle aspettative degli italiani! UNA RIFORMA PASTICCIATA! Accelerare i tempi per dare continuità industriale alla Ferriera! Economia pordenonese in affanno! Zaia invece che parlare agisca ! Il non fare del Governo Letta! Rivedere il servizio idrico integrato! ZAIA DEMAGOGO SULLE AUTOSTRADE! Cittadella della salute: una presa in giro! LA DOPPIA FACCIA DELLA LEGA! La nuova legge elettorale non riconcilierà gli italiani con la politica! Terza corsia: speriamo non sia un girone dell'inferno Dantesco! Rischio deriva sanitaria! Autovie Venete e terza corsia: "esperta" se ci sei batti un colpo! REGIONE: programma e attività ancora da decifrare! Ha vinto il migliore? Una nuova legge elettorale per tornare subito al voto! BASTA CON NUOVE TASSE! A RISCHIO LO SVILUPPO DEL TERRITORIO! Paga sempre pantalone! Si faccia subito chiarezza!

2013

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

marzo

febbraio

gennaio

2012

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

aprile

marzo

febbraio

gennaio

2011

dicembre

novembre

ottobre

settembre

agosto

luglio

giugno

maggio

cheap mlb jerseys cheap nfl jerseys cheap nfl jerseys wholesale discount tiffany outlet christian louboutin shoes outlet mbt shoes australia christian louboutin wholesale